Città di Fermo

Città di Fermo

portale istituzionale del Comune di Fermo

COVID 19 - INFORMAZIONI E AGGIORNAMENTI

11 maggio

 

Ecco il link dove poter trovare le linee guida operative regionali per strutture alberghiere, campeggi, villaggi turistici, stabilimenti balneari, spiagge libere e altre strutture:

 

https://www.comune.fermo.it/it/notizie/art/2922-linee-guida-operative-per-strutture-alberghiere-campeggi-e-villaggi-turistici-stabilimenti-e-spiagge-libere-altre-strutture/

 

9 maggio

 

STAGIONE BALNEARE Al VIA IL 29 MAGGIO : L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE SCRIVE AI CONCESSIONARI DI SPIAGGIA IN ATTESA DELLE LINEE GUIDA REGIONALI PER IL RILANCIO DEL SETTORE

 
Nello stesso giorno in cui la Fee, ieri, ha invitato per la prossima settimana il Comune di Fermo alla cerimonia di consegna via facebook delle Bandiere Blu 2020, l’Amministrazione Comunale – recependo l’ordinanza regionale che disciplina la riapertura degli arenili, ha inviato una lettera a firma del Sindaco Paolo Calcinaro e  dell’Assessore alle Politiche Ambientali Alessandro Ciarrocchi  con cui è stata comunicata ai concessionari di spiaggia l’ordinanza che stabilisce l’inizio della stagione balneare per il prossimo 29 maggio
 
In attesa delle decisioni finali della Regione Marche sulle disposizioni di sicurezza per gli stabilimenti - scrivono il Sindaco e l’assessore – con linee guida che a giorni verranno emanate, auspichiamo che verranno recepite quelle proposte di deroga che noi abbiamo ritenuto strategiche, come il parziale utilizzo delle spiagge libere e l’occupazione delle fasce attrezzate a giochi di spiaggia per posizionarvi gli ombrelloni, misure che sicuramente garantirebbero un più agevole rispetto del distanziamento sociale, permettendo a concessionari ed operatori turistici di fronteggiare al meglio questa grave emergenza sanitaria ed economica”.
 
Confidiamo nella vostra collaborazione per il rispetto delle norme imposte a tutela del bene comune – scrivono ai concessionari Sindaco e Assessore – e ricordiamo che tutti i servizi, già previsti nella scorsa stagione balneare, saranno confermati e laddove possibile potenziati (compresa anche la spiaggia dedicata ai cani ed ai loro possessori)”.
 
Dunque, oltre alla bandiera Blu, pur adeguandosi doverosamente alle direttive nazionali e regionali conseguenti l’emergenza sanitaria, l’impegno dell’Amministrazione Comunale di Fermo per rilanciare e favorire la ripartenza della stagione balneare fermana è massimo, come dimostra anche il lavoro, in via di ultimazione, di pulizia e livellamento della spiaggia.

 

7 maggio

 

Sport. Il Sindaco: “nel caso di autorizzazione governativa o regionale per le attività di gruppo all’aperto, metteremo a disposizione a società e associazioni sportive gli spazi verdi pubblici attrezzati della città”
 
“Al momento in cui verrà autorizzato a livello governativo o regionale lo sport di gruppo all’aperto, saremo i primi a dare un segno di vicinanza a associazioni e società sportive, a realtà e palestre del territorio, mettendo a disposizione spazi verdi pubblici attrezzati per l’attività programmata, senza compromettere l’accesso pubblico, vista anche la quantità dell’estensione delle aree verdi. Un segno di vicinanza a tutti coloro che fanno sport per passione ma anche per coloro per i quali lo sport costituisce un’attività di sostegno economico alla propria famiglia”.
 
Le parole del Sindaco Paolo Calcinaro a dimostrazione della pronta risposta dell’Amministrazione Comunale nel caso in cui disposizioni nazionali o regionali consentissero lo sport di gruppo all’aperto, conseguentemente alle quali metterebbe a disposizione spazi pubblici attrezzati per le società e associazioni sportive di Fermo che necessitano di spazi per allenamenti e preparazione, restando l’impossibilità di utilizzare gli spazi chiusi e le palestre.
 
“Ci facciamo interpreti delle preoccupazioni di chi fa sport di gruppo nella nostra città – ha detto Alberto Scarfini, assessore allo sport – e per venire loro incontro, vista a Fermo l’ampia offerta di spazi pubblici attrezzati all’aperto dislocati un po’ in tutto il territorio comunale, potremo metterli nella disponibilità di chi ha questa necessità, salvo l’autorizzazione che prima deve arrivare con disposizioni nazionali o regionali”.
 
Come noto, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 aprile scorso, che è entrato in vigore il 4 maggio, dispone che le palestre e le altre strutture per la pratica sportiva restino “chiuse al pubblico mentre gli allenamenti individuali sono consentiti solo, a porte chiuse, agli atleti professionisti o riconosciuti di interesse nazionale”.
 
Sempre il decreto dispone che se l’attività sportiva, “viene svolta individualmente in forma libera in aree o parchi pubblici, è consentita, sempre nel rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie e del distanziamento interpersonale di almeno due metri, nonché del divieto di assembramento. In caso di mancato rispetto di tali regole, il Sindaco può disporre la temporanea chiusura delle aree e dei parchi pubblici”.

 

4 maggio

 

DAL 4 MAGGIO RIAPERTI AL PUBBLICO I CIMITERI CITTADINI. ACCESSO REGOLATO CON MODALITA’ E ORARI CONTINGENTATI

 
Dal 4 maggio è stata ripristinata l’apertura al pubblico dei cimiteri della città (Urbano, Torre di Palme e Capodarco).
 
“Salve diverse disposizioni di Stato o Regione, la decisione di riaprire i cimiteri viene adottata comprendendo il dolore di chi in queste settimane ha perso un proprio caro senza poterlo salutare – le parole del Sindaco Paolo Calcinaro. Nell’occasione vorrei ringraziare per il lavoro fatto in questo periodo, sempre con disponibilità e gentilezza, il responsabile dei servizi cimiteriali del Comune William Marziali ed i suoi colleghi. E in ottemperanza delle misure in vigore per contrastare e contenere l’emergenza sanitaria, per l’accesso sarà appunto necessario rispettare rigorosamente alcune importanti regole”.
 
Come:
  • ingresso consentito con dispositivi di protezione (guanti e mascherine);
  • distanza sociale di almeno 1 metro;
  • permanenza per non più di un’ora;
  • orari di visita: dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 fino alle ore 18.00; domenica dalle ore 8.00 alle ore 12.00 (pomeriggio chiuso).
 
Alle esequie funebri, come disposto dal Dpcm del 26 aprile 2020, è consentita “l’esclusiva partecipazione di congiunti e, comunque, fino a un massimo di quindici persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”.
 
Si confida nel senso di responsabilità e nella collaborazione di tutti.

 

4 maggio

 

RIAPERTO L’ECOCENTRO DI CONTRADA SAN MARTINO

Ingressi con giorni prestabiliti e orari contingentati

 
Da lunedì 4 maggio ha riaperto l’Ecocentro in Contrada San Martino a Fermo che rimarrà aperto nei giorni di lunedì, mercoledì, giovedì e sabato dalle ore 7.00 alle ore 11.30. L’accesso sarà limitato e contingentato a due utenti alla volta, proprio per evitare assembramenti.

 

 

28 aprile

 

PROSEGUONO LE ATTIVITA’ A DISTANZA ANCHE PER IL NIDO D’INFANZIA DI FERMO
Favole on line, video, giochi a distanza con materiale da riciclo, ricette
 
Didattica, o meglio educazione a distanza anche per i bimbi del Nido d’Infanzia di Fermo che in questi giorni di emergenza vengono comunque seguiti dal Personale educativo con tante iniziative, con video, realizzati dalle stesse educatrici, inviati alle circa 40 famiglie degli altrettanti bambini che frequentano il Nido, attraverso i rappresentanti di classe e che spaziano dal racconto di favole come "I tre porcellini" o "Cappuccetto Rosso", dalla lettura di storie conosciute dai bambini, alla drammatizzazione di canzoncine come "Gli indiani", “Nella vecchia fattoria”, “Whiski il ragnetto”, dalla realizzazione di semplici strumenti musicali ai colori a tempere con prodotti naturali. Sempre a distanza  e on line vengono proposti anche giochi con materiale da riciclo o con pezzi di stoffa, con l’invio delle modalità di realizzazione. E per il palato di piccoli e grandi vengono inviate anche ricette realizzate dal cuoco Simone: ricette che potrebbero essere anche contenute prossimamente in un ricettario.
 
“In una situazione sociale così delicata e complessa, lavorare da casa risulta difficile in quanto il lavoro educativo al nido ha la peculiarità di essere svolto in stretto contatto fisico con i bambini, specie con quelli piccoli, che hanno bisogno in ogni momento di essere presi in braccio, accarezzati, cullati etc. Ciò nonostante, è importante questa collaborazione con le famiglie dei bimbi del nido e che si continui il percorso educativo iniziato. Lo strumento della didattica a distanza quindi aiuta a creare un ponte tra educatrici e bambini, avvicina e permette di tenere viva la relazione instaurata. Ringrazio il Dirigente Giovanni Della Casa per quanto sta facendo, Sibilla Zoppo Martellini che per i Servizi educativi del Comune svolge le funzioni di raccordo, le educatrici che svolgono al meglio il loro lavoro e la sempre pronta e attiva collaborazione delle famiglie” – le parole dell’assessore alle Politiche Sociali Mirco Giampieri.
 
“Come per altri servizi, la didattica attraverso l’uso delle moderne tecnologie è risultata essere in questo periodo, non solo l’unica via per poter dare una continuità a servizi importanti, ma in questa situazione di emergenza la più efficace – ha proseguito il Dirigente dei Servizi Socio-educativi-sanitari del Comune di Fermo Giovanni Della Casa - in quanto consente di tenere vivi i legami principalmente fra i fruitori, in questo caso i bambini, ed il mondo vivo dell’educazione e della scuola, con la preziosa collaborazione delle famiglie che come sempre sono un anello di congiunzione estremamente importante nella relazioni fra i due mondi”.
 
Un servizio a distanza particolarmente apprezzato dalle famiglie dei bambini, che sottolineano con entusiasmo come questo servizio si stia rivelando molto utile in questo momento per poter proseguire l’attività educativa e pedagogica, bimbi felici di poter rivedere con questa modalità i volti delle loro educatrici e famiglie che, seppure virtualmente, proseguono anche il dialogo fra di loro.
 
Prosegue inoltre, come sempre in modo proficuo, anche la collaborazione con la biblioteca ragazzi di Fermo, che vedrà in questi giorni al via un’iniziativa con video letture di brevi storie e piccoli laboratori creativi e manuali per i  bambini e le loro famiglie a cura delle educatrici del Nido e che verranno poi postati ogni venerdì pomeriggio nel mese di maggio sulla pagina facebook della Biblioteca.

 

27 aprile

 

IL SINDACO CALCINARO E L’ASSESSORE GIAMPIERI RINGRAZIANO IL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI  DI CONFINDUSTRIA CENTRO ADRIATICO PER LE DONAZIONI A BENEFICIO DELLA CITTA’

 
Il Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro e l’assessore alle Politiche Sociali Mirco Giampieri esprimono gratitudine al Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Centro Adriatico che ha promosso una raccolta fondi con la campagna #NonLasciamoIndietroNessuno, declinando a livello locale l'iniziativa avviata dal Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda, e conseguentemente donato una somma da destinare a buoni spesa per famiglie fermane in difficoltà, acquistato un macchinario per l’ospedale di Fermo, mascherine per l’Area Vasta e fatto una donazione per la P.A. Croce Verde di Fermo.
 
Il Sindaco Calcinaro e l’assessore Giampieri hanno voluto ringraziare per “questa bella espressione di generosità del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Centro Adriatico per questo nobile obiettivo, volto a significare con gesti e azioni concrete la vicinanza a chi in questo momento lotta sul fronte dell’emergenza”.
 
Una donazione che rientra nella più generale azione di liberalità che il Gruppo Giovani Imprenditori, guidato da Elisa Scendoni, insieme al Presidente della sezione sanità privata dell’associazione di categoria Simone Ferraioli, ha condotto dall’inizio dell’emergenza a beneficio delle Aree Vaste 4 e 5 con fondi raccolti e subito impiegati per l’acquisto di apparecchiature e strumentazioni utili alle strutture sanitarie. La Presidente Elisa Scendoni ha ricordato che tutti gli imprenditori delle province di Ascoli e Fermo che ha ringraziato, hanno contribuito con le donazioni, aiutando a raggiungere questo bel traguardo. Nonostante la situazione difficile per molte aziende nessuno si è tirato indietro e tutti si sono mossi per cercare di aiutare il più possibile”.Un’azione di un gruppo affiatato che si è attivato subito” – le parole del vice Presidente Pietro Straccia. “Un’azione che ha dimostrato la forte cooperazione e interazione fra pubblico e privato” – ha aggiunto Simone Ferraioli,a capo della sezione sanità privata di Confindustria Centro Adriatico.

 

 

21 aprile

 

SOSTEGNO AL SETTORE TURISTICO E DELLA RISTORAZIONE: DICHIARAZIONE DEL SINDACO DI FERMO PAOLO CALCINARO

 
Il Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro ha rilasciato la seguente dichiarazione: “tre prime idee immediate e importanti per sostenere il settore turistico e quello della ristorazione e mescita così pesantemente colpiti:
 
1) l’ampliamento a costo zero, ed anche in deroga, delle occupazioni del suolo pubblico per permettere il maggiore distanziamento sociale possibile per quei bar, ristoranti, pizzerie che si troveranno a dover cambiare l’attuale organizzazione;
 
2) l’estensione spaziale temporanea delle concessioni balneari da richiedere al Demanio, sempre con la salvaguardia delle nostre ampie e splendide spiagge libere;
 
3)  la sterilizzazione, per il 2020 dell’imposta di soggiorno per evitare complicazioni burocratiche di cui oggi non si sente proprio il bisogno.
 
Pur nelle difficoltà economiche in cui anche un Comune sta versando a causa del Covid, su queste iniziali tre direttrici stiamo lavorando come Giunta già in queste stesse ore. Ovviamente queste sono prime, importanti, misure ma non saranno le uniche di sostegno pur rimanendo in attesa di quello che sarà il sostegno ai Comuni da parte dello Stato: con una seconda fase vorremmo intervenire anche nei confronti di tutte quelle altre attività che hanno subìto uno stop con il Covid.
 
Ovviamente a queste attività prossime e future si affianca il gran lavoro dei Servizi Sociali che in queste settimane  stanno distribuendo o erogando circa mezzo milione di sostegni economici ad una platea, purtroppo, molto ma molto ampia”.

 

20 aprile

 

BUONI SPESA: SCATTA LA SECONDA FASE. DAL 21 APRILE SUL SITO DEL COMUNE. IL MODULO PER LE DOMANDE ON LINE

 

 

 

Come si ricorderà, il Comune di Fermo aveva deciso di utilizzare le risorse assegnate per la concessione dei buoni spesa alimentari e beni di prima necessità in fasi distinte.

 

 

 

La Fase 1, che si è conclusa con la consegna direttamente a domicilio di ben n. 1.139 buoni del valore di euro 125 ciascuno, aveva lo scopo di dare un sostegno concreto prima di Pasqua, in pochissimi giorni dall’uscita del provvedimento nazionale, ad un numero più ampio possibile di famiglie fermane in condizioni di difficoltà finanziaria sia per motivi di fragilità riconosciuta che a causa dell’interruzione forzata delle attività economiche e lavorative.

 

 

 

Si è trattato di un impegno molto gravoso per il personale dei Servizi Sociali comunali ma l’obiettivo è stato raggiunto anche a giudicare dai tanti commenti positivi e dai numerosi ringraziamenti che sono pervenuti.

 

 

 

Già dal giorno successivo alla scadenza, sono arrivate nuove richieste la cui presa in considerazione, doverosa, impone l'apertura di una seconda fase di presentazione di domande per la valutazione dell'assegnazione dei bonus spesa: perciò la decisione è quella di proseguire una seconda fase per le persone e le famiglie più fragili e più deboli dal punto di vista socio-economico, fase questa riservata a coloro che non hanno partecipato alla Fase 1. E’ assolutamente importante evidenziare che tutti coloro che hanno già presentato domanda entro la prima scadenza del 6 aprile o anche dopo non devono ripresentarla perché i dati e le informazioni per valutare l’assegnazione dei buoni sono già di fatto in possesso degli Uffici.

 

 

 

Le nuove domande devono essere compilate utilizzando l’apposito modulo in autocertificazione che sarà disponibile sul sito internet del Comune da martedì 21 Aprile e presentate esclusivamente via mail all’indirizzo dedicato bonus.spesa@comune.fermo.it o via pec all’indirizzo protocollo@pec.comune.fermo.it. Non è possibile inviare la domanda utilizzando il numero telefonico whatsapp come nella Fase 1.

 

 

 

“Cerchiamo di andare in tutti gli spazi di difficoltà e disagio e ci riserviamo a maggio di accompagnare le situazioni di maggiore fragilità” – le parole del Sindaco Paolo Calcinaro.

 

 

 

Infatti, nei primissimi giorni di maggio, gli uffici vaglieranno inoltre quelle necessità più stringenti per nuove ed ulteriori assegnazioni tra i richiedenti entrati nella prima fase: in questo caso massima priorità sarà data alle famiglie senza fonti di reddito o sostegni erogati dallo Stato.

 

 

 

 

 

Intanto per questa Fase 2 l’importo dei buoni spesa da assegnare non è prestabilito a priori perché l’istruttoria delle domande avrà un taglio ancor più valutativo da parte degli Assistenti sociali comunali i quali da un lato dovranno individuare le situazioni di maggior bisogno sociale e dall’altro stabilire in modo mirato l’entità dell’intervento.

 

 

 

“Come annunciato, prende il via la seconda fase dei buoni spesa proprio perché riteniamo che sia importante essere vicini a chi vive situazioni di difficoltà e fragilità” – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Sociali Mirco Giampieri.

 

 

 

Anche per questo motivo la Fase 2 non ha un termine di scadenza per presentare le domande ma si andrà avanti fino all’esaurimento delle risorse e i nuovi buoni verranno consegnati sempre a domicilio con cadenza settimanale man mano che verranno concluse le valutazioni.

 

 

 

Per informazioni ed assistenza è possibile chiamare i seguenti numeri di telefono 0734/217216, 0734/284278 oppure 0734/284279 secondo lo schema degli orari che si trova pubblicato sul sito internet del Comune.

 

 

18 aprile

 

INFORMAZIONI ALLA POPOLAZIONE, ASSISTENZA, CHECK POINT TAMPONI:

PROSEGUE INCESSANTEMENTE L’ATTIVITA’ DEL GRUPPO COMUNALE DELLA PROTEZIONE CIVILE DI FERMO

In un mese evase 400 richieste per la consegna a domicilio di generi alimentari e medicinali ad anziani e fasce deboli: servizio sempre attivo contattando il numero 0734. 225675

 

Gruppo Comunale della Protezione Civile di Fermo sempre più vicino ai cittadini. Prosegue senza sosta l'attività dei volontari che in questo periodo emergenziale stanno fornendo molteplici servizi di assistenza e supporto alla popolazione.

A poco più di un mese dall’apertura del Centro Operativo Comunale, in Piazza Dante, il Gruppo Comunale ha fatto fronte a circa 350 richieste del servizio di consegna gratuita di generi alimentari e medicinali ad anziani non autosufficienti, fasce deboli, soggetti in isolamento e a pazienti ricoverati.

Un servizio svolto insieme agli operatori dei Servizi Sociali del Comune di Fermo e che continua ad essere attivo tutti i giorni, con orario al mattino dalle ore 9.00 alle 13.00 (fascia oraria durante la quale si ricevono le richieste per spesa e medicinali) e nel pomeriggio  dalle ore 15.00 alle ore 19.00  (durante tale orario gli operatori, in due equipaggi opportunamente dotati di protezioni individuali, provvedono alla distribuzione), telefonando al numero 0734 225675.Un servizio importante che ha riscosso sin da subito l’apprezzamento ed il gradimento di tanti cittadini che necessitano di questo tipo di supporto.

Così come il servizio erogato dai volontari della Protezione Civile di Fermo di assistenza alla popolazione, con le informazioni necessarie e di base in questo periodo emergenziale, attraverso il numero di telefono della sede di Piazza Dante che pure, in poco più di 30 giorni, ha visto arrivare più di 400 chiamate.

Servizi che si sommano a quelli di segreteria per l’emergenza e di supporto alla Sala Operativa, alla fonica in tutto il territorio comunale con le raccomandazioni alla cittadinanza.

Volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile che in questi giorni sono di ausilio nel servizio di check point  DDT (Diagnostic Drive Trough) per i tamponi, senza dimenticare quanto fatto per la consegna di kit igienico sanitari e di mascherine a persone in difficoltà e a soggetti in isolamento domiciliare, a supporto della Fermo Asite, il supporto logistico alla Protezione Civile Regionale Marche per il montaggio e l’allestimento di tende (come avvenuto, ad esempio, all’ingresso del nuovo pronto soccorso del Murri e nell’area dell’ex pronto soccorso) e la consegna di kit scolastici per consentire la didattica a distanza.

“Un grande ringraziamento ai nostri volontari e alla efficiente macchina del Gruppo Comunale della Protezione Civile di Fermo, a quanto stanno facendo ogni giorno con tantissimo impegno - le parole del Sindaco Paolo Calcinaro – stanno fornendo un supporto quotidiano straordinario. Anche questa mattina sono stato al Coc per seguire le azioni di sostegno che vengono portate avanti, ma soprattutto per esprimere con la mia presenza il ringraziamento, la gratitudine e la vicinanza per il lavoro che su più fronti stanno facendo, collaborando in più ambiti e assistendo così al meglio la popolazione”.

“Questa situazione che stiamo vivendo tutti ha portato a diversi modi di intervenire, in tema di emergenza, La Protezione Civile Comunale si è subito messa in moto, ha attivato le sue forze con i suoi volontari generosi, che ringrazio per l’impegno quotidiano, applicando nuovi metodi di intervento, elaborando nuove procedure e misurandosi con nuove attività, con grande professionalità e spirito di adattamento, senza far mancare mai il loro supporto alle esigenze della città. Un grazie di cuore a tutti loro, al Dirigente Alessandro Paccapelo ed al coordinatore e referente del Gruppo Comunale Lorenzo Paniccià per l'ottimo lavoro di raccordo e gestione che sta svolgendo in maniera egregia” – ha detto l’assessore Ingrid Luciani, con delega alla Protezione Civile.

 

 

17 aprile

 

DONAZIONE ALLA CITTA’  E ALL’OSPEDALE DI FERMO DA PARTE DELLA BOEMIA CENTRALE DI VISIERE MEDICHE

I ringraziamenti del Sindaco Calcinaro al Paese con cui Fermoha stretto da anni relazioni culturali, sportive e sociali

 

Anche la Repubblica Ceca, con cui Fermo da anni ha rapporti e relazioni culturali, sociali e sportive, ha avuto un pensiero per la comunità fermana. Dopo Ansbach nei giorni scorsi, la rete dei rapporti internazionali intessuti in questi anni da Fermo ha avuto un’altra espressione con la Boemia, che ha inviato ieri al Comune fermano 200 visiere mediche da destinare all’ospedale Murri di Fermo.

Un gesto per il quale il Sindaco Paolo Calcinaro ha espresso gratitudine, con un video postato sui social, con cui ha sentitamente voluto ringraziare la comunità boema per questo regalo alla città di Fermo, in particolare per gli operatori sanitari dell’ospedale cittadino.  “Un dono da parte degli amici della Boemia, che da tre anni a questa parte in questo periodo affollavano le nostre spiagge” - ha ricordato il Sindaco che ha espresso la gratitudine della città, dando loro appuntamento a Fermo per il prossimo anno.

Si tratta di visiere prodotte con stampanti in 3D dagli studenti delle scuole tecniche della Boemia Centrale, scuole tecniche di cui è Presidente Tomas Hlavac, che hanno voluto inviare così un “sostegno alla città di Fermo nella quale ogni anno vengono sempre ben accolti” – ha detto Vaclav Mares, coordinatore del partenariato fra Marche e Boemia Centrale che ha seguito questa donazione, anch’egli ringraziato dal Sindaco. Il programma di stampa utilizzato è stata una versione rilasciata dal sig. Prusa di Praga, il più grande produttore europeo di stampanti 3D. Un progetto che attesta anche il legame scolastico delle comunità della Boemia centrale e delle Marche -  come ha ricordato il prof. Zdenek Seidl, responsabile regionale del gemellaggio scolastico Boemia Centrale – Marche. A sostenere e offrire il trasporto in Italia delle visiere, l’Ordine dei Medici di Praga 5, presieduto da Pavel Kubicek.

Come si ricorderà, da qualche anno si è instaurato uno stretto rapporto di amicizia fra Fermo e la Boemia Centrale in diversi ambiti, da quello sportivo con gli allenamenti e la preparazione di beach volley che centinaia di giovani boemi fanno sulle spiagge fermane, a quelli culturali con la visita di delegazioni della Repubblica Ceca alle bellezze culturali fermane, ai rapporti con le scuole superiori fermane e con il Corso di Laurea in infermieristica di Fermo (nei prossimi giorni il dott. Adoriano Santarelli e un delegato della Boemia centrale presenteranno le modalità di contatto on line fra le scuole dei due paesi). Un’amicizia nel nome dello scambio proficuo di buone pratiche e di iniziative sociali e culturali, che ora ha avuto anche un risvolto solidale, a supporto dell’emergenza sanitaria.

 

16 aprile

 

#IORESTOACASA. BIBLIOTECA “R. SPEZIOLI”  E MUSEI DI FERMO: LA CULTURA VIAGGIA E VOLA ON LINE. 6 MILA PRESTITI DI LIBRI SULLA PIATTAFORMA MLOLDA MARZO. 10 MILA VISITE VIRTUALI SUI SOCIAL DEI SITI CULTURALI

 

#iorestoacasa. La lettura e i musei di Fermo viaggiano on line. In tempo di emergenza sanitaria, dall’inizio del lockdown, il servizio messo a disposizione, dal mese di marzo, dalla Biblioteca “R. Spezioli” di Fermo di poter consultare libri e giornali da pc o smartphone, così come la visita virtuale dei musei cittadini, insieme ai laboratori per bambini, riscuotono grande successo. A parlare sono i numeri.

“Nonostante l’emergenza, utenti e lettori hanno voluto usufruire dei servizi che, con la nostra biblioteca e con i nostri musei, abbiamo messo a disposizione per continuare a leggere e a conoscere e vedere le nostre bellezze culturali - le parole dell’Assessore alla Cultura Francesco Trasatti. Quanto emerso in questo periodo di emergenza sanitaria riconferma la necessità, già presente prima ed ora semplicemente resa più evidente, di investire maggiori risorse sulla digitalizzazione del patrimonio museale e su contenuti di qualità ad esso collegati. La  temporanea sospensione di servizi tradizionali ed in presenza (orientamento, prestito e consultazione per i libri, le visite dei musei) ci ha tuttavia consentito di riconfigurarli alla luce di strumenti dei quali la biblioteca e i musei sono in possesso, che ora si sono rivelati di enorme efficacia e sostegno”.

 

Ecco i dettagli.

 

SERVIZI E PRESTITI DI LIBRI ON LINE

Grazie alla piattaforma della Regione Marche MLOL, cui è possibile aderire gratuitamente per beneficiare del servizio inviando una mail a luca.berdini@comune.fermo.it, dal mese scorso ad oggi sono stati quasi 6 mila gli utenti che hanno chiesto di poter leggere e-book, senza contare i numeri di coloro che hanno consultato i giornali: 66.000, di cui 31.000 per testate italiane e la altre per titoli esteri; nelle prime settimane di aprile già siamo a circa 40 mila consultazioni, di cui 18.000 per testate italiane.

Sempre su MLOL (Media Libray On Line), la prima rete italiana di biblioteche pubbliche, accademiche e scolastiche per il prestito digitale, cui aderiscono oltre 6.000 biblioteche in 20 regioni italiane e 10 paesi stranieri, sono state create delle liste bibliografiche, suggerimenti di lettura tematici, saggi, inchieste, instant book, testimonianze per conoscere e comprendere le varie pandemie, che hanno avuto una media di un centinaio di visualizzazioni. Molti i nuovi account attivati, con picchi di oltre 50 richieste giornaliere. Oltre a Mlol, è attiva anche la piattaforma INDACO che è, analogamente, una ricca raccolta di risorse (circa 2 milioni e 200 mila tra ebook, video, audiolibri, film, musica, videogiochi, corsi, lezioni universitarie) di cui tuttavia il 90% gratuite e subito messe a disposizione degli utenti.

Inoltre, tramite i docenti coinvolti nel progetto Fermo Loves Wiki, si è data promozione allo strumento della piattaforma enciclopedica libera per le attività didattiche in remoto.

“L’ottima risposta che ci arriva in termini di gradimento da parte dell’utenza, sia storica sia del tutto nuova al mondo della nostra biblioteca – ha detto Maria Chiara Leonori, Direttrice della Biblioteca Spezioli - incoraggia proseguire su questa strada e la progettualità per l’immediato è in continua evoluzione, a partire dalle iniziative che saranno messe in atto per l’imminente “Maggio dei libri”, proposto quest’anno dal MIBACT in formula social, con anticipo di attività sin dalla metà di aprile, che coniugheranno innovazione e valorizzazione del patrimonio”.

 

BIBLIOTECA RAGAZZI

Creatività e professionalità sono le parole chiavi dell'offerta culturale proposta dalla Sezione Ragazzi della Biblioteca Spezioli, come: le video letture di storie inedite, lette e scritte dalla Bibliotecaria Raffaella Ramini e da bambini e adulti, reperibili nel canale Youtube con hashtag #IOVITENGOCOMPAGNIA e nella pagina Facebook della Biblioteca Civica (con circa 300 visualizzazioni), consigli di lettura, l’inventario dei giochi in un contest, attività ludico-pratiche per bambini e tanto altro ancora.

 

MUSEI ON LINE

Numeri importanti anche per i Musei di Fermo che, con il format lanciato da Sistema Museo dal titolo Cultura Aperta, sono stati oggetto di conoscenza e approfondimento grazie ai canali social e on line.  Dal 19 marzo ad oggi, spaziando ad esempio dalle Cisterne al Teatro dell’Aquila, dalla Sala del Mappamondo alla necropoli di Torre di Palme, oltre 10.000 visualizzazioni e oltre 3.000 interazioni con i post, tra commenti e condivisioni solo sulla pagina Facebook dei Musei di Fermo, mentre in Instagram, dove sono state pubblicate anche Stories (fotografie e video della durata limite online di 24h), le interazioni sono state oltre 5.000.

Il pubblico "social" che segue i Musei di Fermo è composto di circa 9.000 residenti in Italia, mentre una minore percentuale segue dall'Argentina, dalla Spagna, dalla Francia, dal Brasile e dagli U.S.A. Il 57% di queste persone è composto da donne e il restante 43% da uomini, con una età che va dai 25 ai 65 anni; la fascia d'età più rappresentata è quella che vai dai 35 ai 44 anni.

Dal 14 aprile, considerato il protrarsi dell'emergenza, i Musei di Fermo propongono al pubblico delle famiglie con bambini, alcuni dei laboratori e delle attività didattiche più coinvolgenti per imparare, divertendosi anche da casa, sul canale Instagram con argomenti come, ad esempio, le maschere, il libro pop-up, il cappello del Margutto e l'erbario artistico.

 

 

15 aprile

 

RIATTIVATO, IN MODALITA’ ON LINE, IL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA DOMICILIARE
 
Visto il protrarsi della sospensione delle attività scolastiche per l’emergenza sanitaria, il Comune di Fermo, si è attivato, attraverso l’Unità Operativa Servizi per la Disabilità dell’Assessorato ai Servizi Socio Sanitari e le cooperative sociali gestori del servizio di Assistenza Educativa Scolastica e Domiciliare, per effettuare un monitoraggio diretto della situazione che stanno vivendo le persone disabili e le loro famiglie cui, per effetto delle restrizioni per l’emergenza e contenimento diffondersi del virus Covid 19, sono stati interrotti i servizi erogati.
Il progetto è stato riavviato in questi giorni, contattandole 89 famiglie interessate, raccogliere le esigenze specifiche degli alunni ma anche dei caregivers familiari, in materia di attività didattiche a distanza, al fine di attivare, in raccordo con gli insegnanti di sostegno e il Comune, modalità di intervento differenziate, anche tenendo conto del Piano educativo individualizzato di ciascun alunno. Gli interventi saranno quindi individualizzati e si articoleranno nel rispetto del monte ore settimanale assegnato a ciascuno studente.
Come ha sottolineato in questi giorni il Sindaco Paolo Calcinarol’Amministrazione Comunale ed il Settore dei Servizi Sociali stanno facendo il possibile per venire incontro alle famiglie con situazione difficili e con fragilità, per garantire continuità a servizi fondamentali, attraverso percorsi di accompagnamento a distanza sia per non interrompere i percorsi educativi avviati, sia per non lasciare sole le persone più fragili e le loro famiglie”.
Nonostante il prolungarsi della fase di sospensione delle lezioni, viene messa a disposizione dei ragazzi, in accordo con scuole e famiglie, la professionalità degli educatori e delle educatrici.
Riteniamo fondamentale, sul piano pedagogico, mantenere il più possibile la complementarità dei ruoli fra insegnanti e assistenti educatori, garantendo così i processi inclusivi e le buone prassi, anche attraverso una modalità di Assistenza Educativa Scolastica a distanza. - spiega il Dirigente ai Servizi Socio Sanitari Giovanni Della Casa - Ai bambini e ai ragazzi a cui già nell’anno scolastico in corso era stato assegnato il sostegno educativo in ambito scolastico e/o domiciliare, viene offerta l’opportunità di attivare un intervento on line al fine di assolvere in parte la prosecuzione del progetto già attivo sul minore, sino alla ripresa della normale attività scolastica”.
“La cura educativa per i bambini e i ragazzi con disabilità seguiti dal servizio di assistenza educativa scolastica – spiega l’Assessore ai Servizi Sociali Mirco Giampieri - deve trovare anche in questo periodo particolare modalità di vicinanza e di supporto, anche se non in presenza. Oltre al servizio educativo diretto con il minore e il necessario sostegno necessario ai caregivers familiari, intendiamo offrire, a chi ne sentisse l’esigenza, anche la consulenza dello psicologo del servizio”.

 

14 aprile

 

SERVIZI DEMOGRAFICI: DA OGGI AL 3 MAGGIO GARANTITE ATTIVITA’ INDIFFERIBILI IN PRESENZA, RESE SOLO NELLA SEDE CENTRALE DI VIA MAZZINI RIGUARDANTI LO STATO CIVILE

 

A seguito delle disposizioni governative in materia di contenimento dell’emergenza sanitaria da covid-19, si comunica che da oggi, 14 aprile al 3 maggio 2020 i Servizi Demografici del Comune di Fermo garantiranno, unicamente presso la sede centrale di via Mazzini , lo svolgimento delle attività indifferibili da rendere in presenza, riguardanti lo stato civile (tel. 0734 284290):  atti di nascita e atti di morte (dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 – il sabato in reperibilità solo per atti di morte).

 

Il rilascio delle carte d’identità avverrà solo in caso di emergenza e su prenotazione telefonica (tel. 0734 284267 – 284209).  La validità delle carte d’identità scadute o in scadenza alla data di entrata in vigore del d.l. 18 del 17/03/2020 “Cura Italia”, è prorogata al 31 agosto 2020.

 

Le richieste di certificazione e le pratiche per cambi di residenza saranno ricevute (ed evase) solo on line tramite le seguenti email: pec: servizi.demografici@pec.comune.fermo.it - email: ufficio.anagrafe@comune.fermo.it

 

Per le pratiche di residenza è necessario compilare il modulo ministeriale scaricabile dal sito del Comune (www.comune.fermo.it) nella sezione servizi demografici (https://www.comune.fermo.it/it/anagrafe/), inviandolo via email insieme ai documenti d’identità degli interessati.

 

***************************************************************************

 

PROROGA CHIUSURA AL PUBBLICO DEI CIMITERI CITTADINI FINO AL 3 MAGGIO

Fatte salve le operazioni di tumulazione e inumazione

 

Si comunica che, in linea ed in ottemperanza alle disposizioni governative del nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 aprile che proroga le misure sul contrasto e sul contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid 19, la chiusura al pubblico dei cimiteri cittadini di Fermo (Urbano, Torre di Palme e Capodarco) è prorogata fino al 3 maggio, ad eccezione delle operazioni cimiteriali di tumulazione ed inumazione (eseguite nelle forme consentite ai sensi delle disposizione del Ministero della Salute del 1 aprile 2020).

 

 

11 aprile

 

EMERGENZA SANITARIA: IL LAVORO DI SUPPORTO AI COMUNI DELL’AMBITO SOCIALE XIX. Proseguono, anche a distanza, i servizi ordinari. Con la gestione associata, in questo periodo emergenziale, l’Ambito sta seguendo 4 mila persone nei 31 Comuni che ne fanno parte

 

Un lavoro silenzioso ma intenso, senza sosta, anche per questo periodo emergenziale, quello dell’Ambito Sociale XIX a supporto dei Comuni. 

“Un grazie al lavoro continuo dei Servizi Sociali e dell’Ambito Sociale XIX anche in questo particolare momento: è per noi una certezza sapere di questa solidità presente” – ha detto il Sindaco di Fermo e Presidente del Comitato dei Sindaci Paolo Calcinaro.

Sia in modalità smart working che con la riattivazione dell'Ufficio di Coordinamento in presenza, con almeno 2 operatori per il contatto telefonico con i cittadini e con i Comuni stessi, sono state rimodulate le attività di sportello come: il Punto Unico d'Accesso, per informazioni su bandi e rete di servizi come Home Care Premium e Reddito di Cittadinanza, senza contare l’assistenza sulle leggi che riguardano l’assegno di cura, le disabilità gravissime, l’autismo, la legge 30 sulle famiglie, Informafamiglia, con psicologhe e avvocatesse per colloqui telefonici con tutti i cittadini fragili che hanno bisogno di un primo supporto, lo sportello di interpretariato per i non udenti.  Prosegue il servizio sociale professionale che puresta dando supporto ai Comuni  Il Servizio Assistenza Domiciliare è rimasto attivo per tutti gli utenti, sia attraverso interventi in casa, sia per la spesa, sia attraverso monitoraggi telefonici continui.

L'Educativa domiciliare e scolastica è stata riconvertita in continue chiamate e video di accompagnamento. Anche gli Operatori degli CSER stanno mantenendo il contatto con i ragazzi e le loro famiglie, attraverso video chiamate ed interventi sui social. Il Servizio Sollievo e Beautiful mind sta proseguendo la propria attività con video chiamate, attività laboratoriali a distanza e gruppi di auto aiuto a distanza.. Il Servizio di Mediazione culturale è stato riattivato a distanza per consentire alle Scuole, anche se l’attività didattica è sospesa, ed ai Servizi di mettersi in contatto con i ragazzi immigrati. Il Servizio di Inserimento Lavorativo sta seguendo tutte le situazioni di Tirocinio sia attive che sospese. L'ATS ha presentato un progetto per dare un supporto ai nidi pubblici e privati in fase di emergenza e soprattutto nel momento del riavvio delle attività. Continuo è il raccordo con i Servizi Sanitari territoriali e la collaborazione con il mondo del terzo settore.

Complessivamente in questo periodo emergenzialel’Ambito, con un lavoro che in questo momento vede il supporto ai 31 Comuni dell’Ambito per l'intervento dei buoni alimentari e che è riferimento per la Regione Marche per l'analisi del fabbisogno e la distribuzione delle mascherine e dei guanti per gli Operatori e per le Residenze Protette del territorio (è stata fatta la distribuzione, in stretta collaborazione con il Distretto Sanitario,  in due fasi di circa 8 mila mascherine chirurgiche) sta gestendo 8.000 contatti e segue più di 4.000 persone attraverso i servizi in gestione associata.

“Lo sforzo ed il lavoro, silente ma efficace e puntuale, dell’Ambito Sociale testimoniano un impegno che, oltre a quello quotidiano e ordinario che conosciamo, è proseguito e si è intensificato in questo momento particolare a tutela delle fragilità – le parole di Mirco Giampieri, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Fermo - a dimostrazione che nessuno viene lasciato indietro e che soprattutto le fasce più deboli possono contare su una rete di protezione fitta come quella garantita dall’Ambito, per cui ringrazio il Dirigente Giovanni Della Casa e il coordinatore Alessandro Ranieri per quanto stanno facendo”.

"In un periodo di emergenza come questo anche noi ci siamo dovuti strutturare e riorganizzare – le parole del coordinatore d’Ambito Alessandro Ranieri, ma l'approccio che abbiamo mantenuto è quello dell'accompagnamento delle tante realtà territoriali comunali e soprattutto di quei nuclei fragili che hanno bisogno di interventi di aiuto concreto, a volte anche se virtualmente. Per questo ringrazio gli amministratori, il Dirigente e tutti gli Operatori dell'Ufficio di Coordinamento che stanno offrendo la propria competenza ma soprattutto la propria sensibilità al di là dei riconoscimenti formali.

 

 

10 aprile

 

TERMINATA LA CONSEGNA DEI BUONI SPESA AI CIRCA 1200 NUCLEI FAMILIARI  DI FERMO

Circa 50 le persone coinvolte nell’operazione. I numeri degli interventi dell’Amministrazione Comunale dell’ultimo meseper famiglie in difficoltà, famiglie numerose, aiuti canoni di locazione  

 

Ultimata la consegna dei bonus spesa nell’intero territorio comunale a circa 1200 nuclei familiari.

Due giorni intensi fra mercoledì e giovedì nel corso dei quali i dieci equipaggi del Personale Comunale, fra cui anche il Sindaco Paolo Calcinaro e l’assessore alle Politiche Sociali Mirco Giampieri, hanno consegnato il bonus da 125 euro (diviso in 5 buoni da 25 euro ciascuno, utilizzabili anche uno alla volta), in condizioni di massima sicurezza e cioè a domicilio delle persone, direttamente nelle cassette della posta, quindi senza spostamenti né assembramenti. Insieme al bonus anche una mascherina per ciascuna delle famiglie.

Un lavoro che ha visto il coordinamento del Settore Comunale dei Servizi Sociali, diretto dal dott. Giovanni Della Casa, che subito dopo il decreto governativo di fine marzo ha emanato le linee guida per le domande, ha predisposto l’istruttoria e avviato la consegna già l’altro ieri. Un lavoro intenso che ha visto coinvolte circa 50 persone fra cui 25 persone per la consegna fra autisti comunali, Personale dei Servizi Sociali, volontari Auser e volontari dell’associazione carabinieri in congedo. Un lavoro che ha coinvolto anche 20 collaboratori dei servizi sociali comunali per 10 giorni tra attività amministrative, colloqui telefonici, istruttorie e organizzazione: a tutti è stato espresso dai beneficiari la gratitudine con numerose telefonate e attestati di ringraziamento per aver condotto con grande impegno l’intera operazione.

Una rete di protezione per i nuclei familiari in difficoltà già avviata dal Comune di Fermo ben prima dei buoni spesa nell’ultimo mese, come ricorda con numeri reali il Sindaco Paolo Calcinaro: “ 56 interventi sociali diretti a famiglie in difficoltà di Fermo per un totale di € 16.620; 80 ulteriori liquidazioni a famiglie numerose con media di € 300 per intervento in corso di assegnazione.

117 ulteriori interventi su canoni di locazione con media di € 100 ad intervento in corso di liquidazione; 1.121 bonus alimentari erogati in due giorni ad altrettante famiglie fermane. Non riusciamo a contare i pacchi spesa erogati, anche a domicilio, tramite Il Ponte, che ringrazio di cuore. Con la consapevolezza che i problemi sono ancora tanti e che di certo sarà impossibile andare incontro a tutti, credo proprio che i Servizi Sociali di Fermo stiano facendo il meglio possibile. E li ringrazio a partire dall’assessore Mirco Giampieri e al Dirigente Gianni Della Casa” - le parole del Sindaco – per i buoni spesa, dopo questa prima fase ce ne sarà una seconda, alla fine del mese di aprile, per le categorie che dovranno essere maggiormente sostenute”.

“In questi giorni prima di Pasqua il nostro pensiero non poteva non andare a chi vive dei momenti di difficoltà ed è per questo che abbiamo voluto, con grande  impegno da parte di tutti, e nell’occasione ringrazio il Dirigente Della Casa, i Servizi Sociali, lo staff, operatori e assistenti sociali, gli autisti, Auser e carabinieri in congedo – ha detto Mirco Giampieri, assessore alle Politiche Sociali – in due giorni  consegnare questo aiuto. Nel frattempo i servizi sociali hanno gestito anche tanti e diversi interventi per le famiglie che si trovano nel disagio, così come stati riconvertiti i servizi domiciliari che erano stati sospesi“

I beneficiari dei buoni spesa li possono spendere sin da subito, potendo godere anche di uno sconto aggiuntivo del 10% sul valore dei buoni stessi, con la raccomandazione di farlo il più possibile vicino casa: l’elenco degli esercizi aderenti (che è stato consegnato con i buoni) è in aggiornamento ed è consultabile sul sito del Comune (www.comune.fermo.it alla sezione bonus alimentare). Altri negozi ancora interessati potranno continuare ad aderire.

 

 

9 aprile

 

CONTINUITA’ NELL’EROGAZIONE DEI SERVIZI DEL MONTESSORI ATTRAVERSO L’USO DELLE TECNOLOGIE WEB

Progetto presentato ad Asur e Area Vasta

 

Nonostante l’emergenza sanitaria, i servizi erogati dal Centro Riabilitativo Montessori di Fermo potrebbero continuare ad essere erogati, a distanza e con le moderne modalità della tecnologia. E’ quanto si propone il progetto inviato all’Asur regionale e all’Area Vasta con cui si esplicitano le forme e i modi con cui i servizi alle persone con disabilità, utenti della struttura, potranno essere prestati.

In questo momento di particolare difficoltà, dovuta all’emergenza sanitaria che ha di fatto temporaneamente sospeso in loco ed in presenza i servizi socio educativi dei Centri per soggetti più fragili, attualmente chiusi in ottemperanza alle disposizioni governative, sulla base del “Decreto Cura Italia” per il Montessori è stata elaborata una progettualità che consentirebbe di proseguire l’attività ordinaria e quotidiana con una modalità alternativa.

“Stiamo facendo il possibile per venire incontro alle famiglie con situazione difficili e con fragilità, per cui anche questa modalità va nella direzione importante di garantire continuità a servizi fondamentali come questi” – le parole del Sindaco Paolo Calcinaro.

L’intento, che si aggiunge al lavoro che si è continuato a fare dall’inizio dell’emergenza di contatto e di vicinanza alle famiglie dei minori utenti, è quello di aiutare i familiari nella gestione del proprio bambino con disabilità, e dare continuità ai percorsi riabilitativi già avviati, per permettere al minore di mantenere il più alto livello di autonomia personale possibile, supportando i care givers familiari attraverso la consulenza medica e psicologica e attivando terapie dirette terapista/bambino/caregiver attraverso strumenti digitali pratici come piattaforme apposite (Zoom), videotutorial, videochiamate ecc., con interventi via web il più possibile rispondenti alle necessità e alla capacità di risposta di  ogni minore e della sua famiglia.

Una nuova modalità lavorativa, che tiene conto della sicurezza dell'operatore e dell'utente e che consente, allo stesso tempo, di non interrompere troppo a lungo il percorso multidisciplinare previsto nel suo Progetto Riabilitativo Individuale già avviato. Nella consapevolezza che le famiglie e i ragazzi del Centro di Riabilitazione Montessori (CAR e PRF) hanno bisogno di continuità e di una rete di supporto, la riorganizzazione del servizio è fondamentale anche per non far sentire le famiglie abbandonate e sole ma come sempre in primo piano, garantendo ai loro figli la continuità dei progetti riabilitativi, attraverso la costante presenza degli operatori che non viene meno, anche in questo momento di estrema difficoltà.

 

 Modalità che prevederebbero:

 

· Chiamate telefoniche e scambio di e-mail per monitoraggio e consulenza, scambio/invio  di documentazione e certificati;

 

· Uso di Zoom o in alternativa Skype o eventualmente videochiamate per supporto e consulenza sanitaria e sostegno psicologico e genitoriale, oltre a caselle di posta elettronica per lo scambio e invio di schede di valutazione o esercizi da proporre a casa, 

 

L’intervento riabilitativo/educativo a distanza prevederà una prima parte di lavoro propedeutico di preparazione del materiale adattabile per utilizzo su web come schede, letture, video, tutorial e una diretta con l’utenza.

 

 “Il servizio potrebbe essere avviato sin dalla settimana successiva alla Pasqua – ha detto Mirco Giampieri, assessore alle Politiche Sociali - per questo motivo il Comune di Fermo per il Centro Montessori, insieme agli altri servizi riabilitativi convenzionati con l’ASUR Regionale, hanno presentato ieri al Presidente della Regione e al Dirigente dell’Azienda Regionale Sanitaria la richiesta per poter essere autorizzati a procedere, vista l’importanza di questo servizio a  dimostrazione della vicinanza a famiglie e ragazzi che frequentano il Montessori. Per questo, in primis le famiglie dei minori disabili, saremo lieti di avere prima possibile un positivo riscontro”.
 

 

***********************************************************

 

FERMO ASITE: IN QUESTO MOMENTO EMERGENZIALE GARANTITI SOLO I SERVIZI ESSENZIALI PRIORITARI

La precisazione doverosa nei confronti delle richieste dei cittadini per la manutenzione di parchi pubblici e spiagge

ATTIVATI NUOVI SERVIZI peculiari ed estesa a tutti i dipendenti la polizza assicurativa per questa fase di EMERGENZA NAZIONALE

 

“Aree verdi e spiagge ora sono zone interdette per legge e ordinanze: sarebbe un controsenso recarsi in questi posti rispetto ai dettami di legge vigenti. Ovviamente quando si avrà la prospettiva di ripartenza, faremo tutto il possibile, come sempre fatto con la Fermo Asite che in questo momento sta cercando di limitare uscite e contatti del Personale che comunque è già impegnato nell’erogare i servizi essenziali prioritari in tutta la città e sull’ulteriore fronte dell’igienizzazione”.
Le parole del Sindaco Paolo Calcinaro dopo le richieste giunte da parte di diversi cittadini circa i lavori di manutenzione del verde pubblico, delle aree cani e delle spiagge, attività che in questo momento non possono essere garantite proprio perché, come da decreti e provvedimenti governativi vigenti, la Fermo Asite deve assicurare l’erogazione di servizi prioritari, come sta avvenendo scrupolosamente e quotidianamente dall’inizio dell’emergenza.
“La Fermo Asite sta facendo gli straordinari per garantire i servizi essenziali lavorando a ranghi ridotti, scelta necessaria anche per minimizzare il rischio di un contagio interno che metterebbe a repentaglio la tenuta dell’organizzazione lavorativa – aggiunge l’assessore alle Politiche Ambientali Alessandro Ciarrocchi. Abbiamo attivato servizi nuovi e delicatissimi come la disinfestazione delle strade, la raccolta domiciliare per le famiglie in quarantena e lo smaltimento dei rifiuti. Capisco e rispetto il desiderio di tanti cittadini di tornare alla normalità e la volontà di dare segnali positivi, ma noi dobbiamo fare i conti con la realtà, che ci vede impegnati in una situazione emergenziale senza precedenti. Attualmente le spiagge e le aree verdi sono inibite al pubblico per disposizione ministeriale, e non avrebbe alcun senso destinare le minime risorse lavorative di cui disponiamo in servizi non necessari. Quando sarà il momento, speriamo prima possibile, penseremo come sempre al litorale ed al verde pubblico, dove l’azienda ha dimostrato negli anni di saper garantire un servizio eccellente – prosegue l’assessore. Il direttore generale mi ha garantito che nel giro di 10/15 giorni dalla ripresa a pieni ranghi, tutti i parchi e tutto il litorale torneranno in piena funzionalità, anche mediante doppi turni del personale ora a riposo forzato. Per farvi capire l’attenzione che dedichiamo alla nostra spiaggia ed alle aree verdi, segnalo che prima del cosiddetto lockdown proprio in spiaggia a Lido di Fermo sono stati istallati nuovi bagni pubblici sulle spiagge libere mentre erano già iniziati i lavori della nuova area verde di San Michele. Ora però, l’azienda si deve concentrare in attività e servizi di prima necessità”.

Ad entrare nel dettaglio dell’azione giornaliera e degli interventi che vengono effettuati dalla Fermo Asite la governance dell’azienda con il Presidente Alberto Paradisi: “la Fermo Asite ha dato seguito all’ordinanza n. 13 della Regione Marche, approntando un servizio domiciliare rivolto ai rifiuti delle abitazioni in cui dimorino soggetti risultati positivi al tampone Covid-19 posti in isolamento, o persone sottoposte a regime di quarantena obbligatoria, che poi vengono conferiti sulla base di specifiche istruzioni e successivamente raccolti e smaltiti dal personale Asite. Attualmente Personale dedicato provvede a interventi di igienizzazione con camion e spazzatrici che coprono costantemente le strade e le aree pubbliche dell’intero territorio comunale - compresi panchine, corrimano, ascensori, pensiline degli autobus, fontane, distributori dell’acqua, marciapiedi, ecc. - , dal centro fino alla costa, nell’intero arco della giornata, con turni ad orari scaglionati che vanno dalle 5 del mattino fino a tarda sera, mentre l’azienda continua ad assicurare i consueti servizi essenziali, vale a dire: raccolta e smaltimento rifiuti, pulizia dei quartieri e sfalcio del verde in prossimità degli incroci stradali, oltre al funzionamento della discarica con il trattamento rifiuti e l’esercizio della rete di distribuzione del metano. Altre e diverse attività "non emergenziali" non possono essere garantite, per non dire addirittura "vietate" come l'accesso in spiaggia".

Attenzione è stata posta anche al Personale dell’azienda, come spiega il Direttore Generale Emilio Cuomo: “la Fermo Asite ha dovuto rapidamente riorganizzarsi per poter erogare quelli che sono i servizi essenziali ed è stata raggiunta, grazie anche alla collaborazione dei rappresentanti dei lavoratori, una rapida intesa per poter utilizzare proficuamente tutti gli ammortizzatori sociali dedicati e per poter attuare, ove possibile, modalità di lavoro remote. Inoltre dal 25 marzo scorso l’Asite ha attivato per questa fase emergenziale una specifica copertura assicurativa valida fino al 31 Dicembre 2020 per i dipendenti. Le garanzie previste sono: indennità di ricovero, indennità di convalescenza e assistenza post-ricovero. L’assicurazione è stata estesa per espressa volontà aziendale a tutti gli oltre 200 dipendenti

 

 

7 aprile

 

PROROGATA LA SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO DEL TRASPORTO SCOLASTICO E DELLA RETTA DELL’ASILO NIDO COMUNALE

 

Sulla base delle normative governative che per contrastare e contenere l’attuale emergenza sanitaria epidemiologica hanno sospeso l’attività scolastica, sono conseguentemente sospesi i pagamenti del mese di marzo della retta dell’asilo nido comunale e del trasporto scolastico.

Si tratta, infatti, di servizi a domanda individuale che non vengono erogati vista, appunto, la sospensione dei servizi educativi, nell’ambito delle misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologia da Covid-19 previste dal Governo.

La sospensione del pagamento di questi servizi è efficace per tutta la durata dei provvedimenti normativi vigenti sulla gestione dell’emergenza.

 

6 aprile

 

TRIBUTI: COMUNICAZIONI

 

L’Ufficio Tributi comunica che sulla base della deliberazione adottata dalla Giunta Comunale ed in base al DL n.18/2020 “ Cura Italia”:

- sono sospesi fino al 31/5/2020 i termini di tutte le attività di liquidazione, controllo, accertamento e riscossione e di contenzioso. In concreto la sospensione opera sui termini per la riscossione del credito tributario derivante da ogni tipologia di avviso di accertamento dell’ufficio tributi, ingiunzioni e fasi successive della riscossione sia da parte della concessionaria ICA sia da parte del servizio legale interno, solleciti pagamento/ avviso di accertamento dell’ufficio tributi ai fini TARI;

- sono sospese, con ripresa successiva al 31/5 della periodicità, anche le rateizzazioni disposte dal concessionario ICA srl e relative all’imposta sulla pubblicità e COSAP 2020 il cui versamento in unica soluzione è scaduto il 31/1/2020;

- per la TARI e l’IMU 2020 nel periodo interessato non sono previste scadenze; si è in attesa di un ulteriore provvedimento nazionale eventualmente incidente su IMU; per la Tari il Consiglio Comunale si pronuncerà entro il 30 giugno prossimo, precisando scadenze che saranno successive;

- sempre sulla base del decreto Cura Italia il termine assegnato alle strutture ricettive, destinatarie di comunicazione, per il rinvio di un questionario imposta di soggiorno/TARI è spostato al 15/6/2020.

L’Ufficio Tributi del Comune di Fermo è a disposizione dei cittadini attraverso comunicazione mail, che sarà prontamente riscontrata, all’indirizzo tributi@comune.fermo.it. Per pratiche complesse ed urgenti è possibile inoltrare attraverso lo stesso indirizzo mail, richiesta di appuntamento in sede precisando se si tratta di IMU o TARI.

La concessionaria ICA srl è a disposizione dei contribuenti all’indirizzo mail info@icatributi.it. Il Servizio affissioni è per ora sospeso.

 

**************************************************

 

SGATE

Bonus sociale per disagio economico sull’accesso a forniture di energia elettrica e gas:

prorogati al 30 giugno i termini di presentazione del rinnovo delle domande

 

La Regione Marche comunica ai beneficiari del bonus sociale con il quale possono accedere alle forniture di energia elettrica e gas, cui hanno diritto per cause inerenti la loro situazione economica attestata dall’ISEE così come previsto dalla legge del 2007 che, a seguito delle misure restrittive disposte dal Governo per il contenimento del Coronavirus, sono stati prorogati, come sta avvenendo a livello nazionale, al 30 giugno i termini di presentazione delle domande di rinnovo del bonus stesso.Pertanto tutti i cittadini beneficiari del bonus in scadenza al 30 aprile 2020 (che avrebbero dovuto chiedere il rinnovo entro il 31 marzo) o al  31 maggio (che avrebbero dovuto chiedere il rinnovo entro il 30 aprile), potranno richiedere il rinnovo entro il 30 giugno per vedere garantito l'ulteriore periodo di 12 mesi,  in continuità con il precedente.

 

 

4 aprile


CITTADINO FERMANO DONA 25 MILA EURO A SUPPORTO DELL’EMERGENZA CORONAVIRUS. I ringraziamenti dell’Amministrazione Comunale

 

Il cuore anonimo che va raccontato: già nel primo giorno di raccolta fondi del Comune per supporto all'emergenza coronavirus un privato cittadino fermano ha donato 25.000 euro per i suoi concittadini in difficoltà. Credo che vada detto, che anche in questo momento, Fermo può raccontare queste preziose storie”.

Le parole del sindaco Paolo Calcinaro ad esprimere la gratitudine a nome della città  per questa importante donazione di un cittadino, per le necessità legate  a questo particolare momento di emergenza, nell’ambito della raccolta fondi promossa dal Comune di Fermo e che si aggiungono così ai fondi comunali già stanziati nei giorni scorsi.

Ringrazio questo privato cittadino per questo importante e nobile gesto e per la sensibilità dimostrata – ha detto Mirco Giampieri – assessore alle Politiche Socialiuna donazione importante, insieme alle tante che stanno arrivando e che dimostrano come si possa essere tutti uniti per un unico obiettivo. Intanto prosegue anche l’azione dei Servizi Sociali e del Dirigente che ringrazio per rispondere con diversi interventi alle difficoltà e ai disagi di questo periodo”.

Considerate proprio le tantissime offerte che stanno arrivando dai fermani e realtà cittadine il Comune, per le stesse finalità, prosegue per l’appunto la raccolta fondi e mette a disposizione il proprio conto su IBAN IT 79 D 06150 69450 T20010000199 presso Carifermo sede centrale con Casuale EMERGENZA CORONAVIRUS o EMERGENZA COVID.

 

3 aprile

 

SERVIZI DEMOGRAFICI:  DAL 4 AL 13 APRILE GARANTITE ATTIVITA’ INDIFFERIBILI IN PRESENZA, RESE SOLO NELLA SEDE CENTRALE RIGUARDANTI LO STATO CIVILE

 

Il Settore Servizi Demografici del Comune di Fermo comunica che, a seguito delle disposizioni governative in materia di contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19, dal 4 al 13 aprile 2020 i Servizi Demografici garantiranno, unicamente presso la sede centrale di via Mazzini, lo svolgimento delle attività  indifferibili da rendere in presenza,  riguardanti lo stato civile (tel. 0734 284290):  atti di nascita e atti di morte (dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 – il sabato in reperibilità solo per atti di morte).
Il rilascio delle carte d’identità’ avverrà solo in caso di emergenza e su prenotazione telefonica (tel. 0734 284267 – 284209).
La validità delle carte d’identità scadute o in scadenza alla data di entrata in vigore del D.L. 18 del 17/03/2020, “Cura Italia”, è prorogata al 31 agosto 2020.
Le richieste di certificazione e le pratiche per cambi di residenza saranno ricevute (ed evase) solo on line tramite le seguenti email

 

 

-         email: ufficio.anagrafe@comune.fermo.it

 

(necessario compilare il modulo ministeriale scaricabile dal sito del Comune www.comune.fermo.it nella sezione Servizi Demografici, inviandolo via email insieme ai documenti d’identità degli interessati).

 

2 aprile

 

SOSPENSIONE DEI MERCATI SETTIMANALI DEL SABATO PROROGATA FINO AL 13 APRILE
 
L’Assessorato al Commercio del Comune di Fermo comunica che, in linea ed in ottemperanza con le misure normative nazionali per il contenimento ed il contrasto della diffusione del Covid 19 nell’ambito dell’emergenza  sanitaria in corso, la sospensione dei mercati settimanali del sabato di Piazzale Tupini e viale Vittorio Veneto è prorogata fino al 13 aprile 2020.

 

“In linea con quanto dettato dal nuovo decreto governativo, anche questa misura viene prorogata per evitare assembramenti – le parole dell’assessore al commercio Mauro Torresi. Rinnoviamo l’invito a rimanere a casa e al rispetto rigoroso delle regole: la collaborazione di tutti è più che mai fondamentale e di assoluta importanza”.
 
PROROGA CHIUSURA AL PUBBLICO DEI CIMITERI CITTADINI FINO AL 13 APRILE
Fatte salve le operazioni di tumulazione e inumazione
 
Si comunica che, in linea ed in ottemperanza alle disposizioni governative sul contrasto ed il contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid 19 e al dettato del nuovo DPCM del 1 aprile 2020, la chiusura al pubblico dei cimiteri cittadini di Fermo (Urbano, Torre di Palme e Capodarco) è prorogata fino al 13 aprile, ad eccezione delle operazioni cimiteriali di tumulazione ed inumazione (eseguite nelle forme consentite ai sensi dei provvedimenti di contenimento già adottati dal DPCM 11 marzo 2020 e ai sensi della disposizione del Ministero della Salute del 1 aprile 2020).

 

1 aprile

 

Pubblicato alla sezione "Bonus alimentare" di questo sito il modello di domanda del Bonus Spesa e le modalità di presentazione.
 
La domanda di questa prima tranche del Bonus Spesa va inviata dal 1 aprile fino alle ore 12.00 del 6 aprile 2020 con file firmato e scansionato con copia del documento di identità all’indirizzo bonus.spesa@comune.fermo.it
 
-     è possibile inviare la domanda per email anche senza sottoscriverla allegando la copia scansionata della carta di identità (anche con foto del cellulare) all’indirizzo bonus.spesa@comune.fermo.it – in tal caso verrà chiesta successivamente la regolarizzazione della domanda
-     è possibile inviare via whatsapp al n. 3501656629 la foto della domanda sottoscritta e della carta di identità – in tal caso verrà chiesta successivamente la regolarizzazione della domanda
-     è sempre possibile inviare la documentazione tramite PEC con documento firmato digitalmente all’indirizzo protocollo@pec.comune.fermo.it
 
Per assistenza alla compilazione della domanda o per problematiche relative all’invio è sempre comunque possibile contattare il Settore Servizi Sociali del Comune di Fermo al n. 0734284278 - 0734284221

 

 

31 marzo

 

BONUS ALIMENTARE: DA MERCOLEDI’ 1 APRILE SUL SITO DEL COMUNE DI FERMO IL MODELLO DI DOMANDA

Domande presentabili fino al 6 aprile. Primo bonus pari a 120 euro. Operativo un numero unico dedicato per le informazioni: 0734.217216

 

Come noto, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di domenica scorsa ha stanziato 400 milioni per gli aiuti alimentari alle famiglie in difficoltà. Uno stanziamento cui ha fatto seguito l’ordinanza della Protezione Civile che ieri ha reso noti i contributi per ciascun Comune. Alla Città di Fermo vengono assegnati 240 mila euro. Questa mattina, al termine di un incontro operativo del Settore Servizi Sociali, diretto dal dott. Giovanni Della Casa, sono state individuate le linee guida e  le modalità per accedere al bonus alimentare.

 

Le richieste, i cui modelli saranno da domani pubblicati sul sito istituzionale del Comune di Fermo, potranno essere inoltrate da nuclei familiari o cittadini che: hanno dovuto cessare un’attività a causa delle normative sul coronavirus, che sono stati messi in Cassa integrazione a causa dell’emergenza sanitaria, i disoccupati e i soggetti che versano in stato di indigenza. Del resto le risorse assegnate al Comune di Fermo sono significative e si confida nel fatto che la domanda venga inoltrata, con senso di responsabilità, da coloro che effettivamente si trovano in situazioni di difficoltà.

 

Dopo le ore 12 di domani sarà possibile accedere al sito istituzionale del Comune www.comune.fermo.it dove verrà pubblicato il modello di domanda per la richiesta di un primo bonus pari a 120 euro, un primo aiuto anche in vista delle festività pasquali ormai vicine. Il bonus nei casi più difficili non sarà una tantum ma verrà ripetuto. Le domande potranno essere inoltrate da mercoledì 1 aprile fino a lunedì 6 aprile. La consegna effettiva dei bonus prenderà avvio da martedì prossimo.

 

Da domani sarà operativo anche per le informazioni un unico numero dedicato: 0734.217216.

 

Si ricorda, inoltre, che gli esercizi alimentari e farmaceutici che vogliono aderire, ricevendo i voucher-spesa, potranno mandare la propria adesione all’indirizzo mail: negozi.bonus.spesa@comune.fermo.it. L'adesione comporta un impegno ad effettuare sconti del 10% sugli acquisti tramite voucher.

 

“In una difficoltà, quella del coronavirus, può fortificarsi positivamente il senso di comunità - le parole del Sindaco Paolo Calcinaro: un’operazione fuori dall'ordinario che non si fermerà con una tantum ma sosterrà chi è, o chi si è trovato in difficoltà, nelle prossime settimane o mesi: non si curerà purtroppo ogni sofferenza ma molte sicuramente sì. Fondi statali, del Comune, di enti territoriali intervenuti e di cittadini che mettono del proprio per sostenere anche il proprio "vicino": una operazione di solidarietà comunitaria forse senza precedenti. Grazie a tutti per il sostegno di questi giorni e per quello futuro.

 

“Anche il nostro Comune, con il nostro Settore dei Servizi Sociali ed il suo Dirigente dott. Della Casa che ringrazio, si sono messi subito a lavoro – ha detto Mirco Giampieri, assessore alle Politiche Sociali - per rendere operative le indicazioni dell’ordinanza sul bonus alimentare che in questo particolare momento che stiamo vivendo vuole rappresentare un segno importante per le situazioni di difficoltà”.

 

Considerate anche le tantissime offerte giunte da fermani e realtà cittadine il Comune, per le stesse finalità, raccoglie ulteriori fondi (oltre ovviamente ai propri già disponibili che solo ieri hanno interessato già 25 famiglie fermane per quasi 10mila euro) mette a disposizione il proprio conto su IBAN IT 79 D 06150 69450 T20010000199 presso Carifermo sede centrale con Casuale EMERGENZA CORONAVIRUS o EMERGENZA COVID.

 

31 marzo

 

Aderendo all’iniziativa promossa in tutta Italia dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), su proposta del Presidente della Provincia di Bergamo, anche la Città di Fermo ha voluto esprimere questa mattina alle ore 12.00 il cordoglio per le vittime dell’emergenza sanitaria, ricordandole con un minuto di silenzio, le bandiere del Palazzo Comunale a mezz’asta ed il Sindaco Paolo Calcinaro con indosso la fascia tricolore. Momento di raccoglimento con cui si è voluto onorare anche il sacrificio e l’impegno di medici e operatori sanitari, che in questo momento sono in prima linea sul fronte dell’emergenza. Un momento breve ma intenso per esprimere anche la vicinanza dell’intero Paese, attraverso i Sindaci, ai familiari delle vittime. 

 

 

29 marzo

 

SOSTEGNO DEL COMUNE DI FERMO ALLE SITUAZIONI DI NECESSITA’ SOCIALE

Già programmato, il fondo sarà disponibile per esigenze ulterioririspetto a quelle alimentari previste dal decreto governativo

 

“In attesa del fondo governativo annunciato ieri,  il Comune di Fermo ha approntato un’ulteriore somma di 30 mila euro che saranno disponibili a questo punto per esigenze ulteriori rispetto a quelle alimentari, con il monitoraggio dei nostri Servizi Sociali e grazie al supporto fattivo del Ponte”. Le parole del Sindaco Paolo Calcinaro nel parlare dello stanziamento comunale a beneficio delle situazioni di difficoltà del territorio cittadino, stanziamento che si aggiunge così a quanto previsto dal decreto di ieri sera.

“Era un fondo già programmato, peraltro sostenuto da un apporto esterno che pur nell’anonimato ringrazio per la vicinanza al territorio e che si è appalesato nei giorni scorsi – prosegue il primo cittadino di Fermo. Attendiamo nelle prossime ore specifiche su quantità e regole sulla distribuzione dei buoni alimentari da parte del Governo. Ritengo che una parte importante sia da indirizzare verso quelle situazioni che dall’inizio dell’emergenza si ritrovano con la propria attività chiusa e quindi senza la quotidiana fonte di sostentamento, per le povertà croniche del nostro territorio che continuano ad essere tali anche in questa situazione. Continueremo a cercare di dare sostegno il più possibile con i nostri fondi, con i fondi di supporto già esistenti e con questa ulteriore somma messa a disposizione dal Comune sin dai prossimi giorni”.

"Un sostegno già programmato che il Comune con i Servizi Sociali ha previsto proprio per andare incontro a quelle situazioni di difficoltà nel territorio comunale – ha detto Mirco Giampieri, assessore alle Politiche Sociali - un supporto che abbiamo ritenuto di destinare, in continuità con quanto già facciamo in casi disagio economico, ma che in questo momento era importante stanziare. Mi unisco ai ringraziamenti per la collaborazione al Ponte, a chi esternamente ha dato il suo contributo a questo fondo, oltre al lavoro del Dirigente Della Casa, dell’Ambito e del coordinatore Ranieri”.   

 

 

28 marzo

 

#IORESTOACASA. BIBLIOTECA RAGAZZI DI FERMO:GIOCHI, VIDEO LETTURE, PRESTITO ON LINE DI LIBRI.

TANTE BELLE E COINVOLGENTI INIZIATIVE A DISTANZASU INTERNET, CON LA PAGINA FACEBOOK E YOUTUBE

 

Biblioteca Ragazzi di Fermo a portata di click:  anche la bella, colorata e sempre accogliente struttura dedicata ai libri dei più giovani in questo difficile momento diventa virtuale, anche se la Sezione Ragazzi  non si è mai fermata.....perché all’interno della pagina Facebook della Biblioteca Civica Romolo Spezioli, anche la Biblioteca Ragazzi è sempre stata accanto ai propri utenti in ogni modo. Attraverso l’attivazione di un nuovo indirizzo mail (biblioragazzifermo98@gmail.com) è possibile comunicare con la Sezione Ragazzi che sarà sempre pronta a cercare di soddisfare – se pur da lontano – le esigenze dei propri utenti.

Diverse sono le iniziative già attive e in programma:

-          sulla pagina Facebook della Biblioteca Civica Romolo Spezioli è presente il CONTEST “INVENTARIO DEI GIOCHI/MOMENTI PREFERITI” che chiede ai piccoli utenti, ispirandosi a due libri presenti in Sezione, di FARE UN INVENTARIO DISEGNATO DEI LORO GIOCHI  O MOMENTI PREFERITI DELLA GIORNATA , con l'invio del materiale alla casella di posta entro mercoledì 1 aprile e la successiva pubblicazione dei disegni realizzati.

-          con l’#IOVITENGOCOMPAGNIA – presente su pagina Facebook e su Youtube - la bibliotecaria della Sezione Raffaella Ramini propone e rende visibili video-letture di storie e filastrocche personali e di tutti coloro che hanno e avranno il desiderio di contribuire con il proprio materiale (favole, filastrocche, racconti brevi). Chi è interessato potrà inviare il proprio contributo all’indirizzo mail della Sezione.

La Sezione Ragazzi è attiva anche nell’uso dell’applicativo MLOL (https://www.medialibrary.it) – la piattaforma di prestito digitale con la più vasta scelta di contenuti per tutti,  messa a disposizione delle biblioteche marchigiane dalla Regione Marche.

“#iorestoacasa: un altro esempio di come – le parole di Francesco Trasatti, assessore alla cultura e al turismo -  in questo particolare momento, si possa essere partecipi da casa con le attività della Biblioteca Ragazzi, interagendo con la tecnologia con l’aiuto e la presenza degli adulti e dei genitori, per essere coinvolti dalle tante ed estrose iniziative ideate per i bambini ma che, sono sicuro, coinvolgerà anche le famiglie in uno straordinario viaggio nella fantasia”.

 

27 marzo

 

nuovo modello spostamenti da scaricare (aggiornato al 26 marzo 2020)

 

26 marzo

 

VIDEO CON INDICAZIONI E INFORMAZIONI UTILINELLA LINGUA DEI SEGNI

 

Indicazioni e informazioni utili in questo momento di emergenza sono quelle fornite nel breve video, nel corso del quale il Sindaco Paolo Calcinaro ricorda direttamente delle importanti regole, come quelle di rimanere a casa, di non spostarsi dal proprio Comune, di lavarsi le mani, oltre a rammentare l’importante servizio portato avanti dal Gruppo Comunale della Protezione Civile e dai Servizi Sociali di Fermo con la consegna a domicilio di spesa e medicinali per anziani soli non autosufficienti e soggetti in isolamento domiciliare, contattando il numero di telefono, attivo presso il Coc di Piazza Dante, 0734. 225675: parole tradotte in simultanea nella lingua dei segni (LIS).

Il video è realizzato, infatti, in collaborazione con l’Ambito Sociale XIX, la sezione provinciale di Fermo dell’ENS (Ente nazionale sordi) e dei Servizi Sociali: “un servizio utile per una condivisione delle informazioni che in questo particolare momento è assolutamente fondamentale – ha detto l’assessore Mirco Giampieri – un’attenzione anche in questo caso a chi necessita di uno strumento per poter acquisire indicazioni importanti.”.

“Un ringraziamento per la collaborazione alla sezione provinciale dell’Ens nella realizzazione di questo video assolutamente inclusivo -  le parole di Alessandro Ranieri, coordinatore dell’Ambito Sociale XIX - con cui anche determinate fasce sociali sono tutelate e informate sulle indicazioni che vengono fornite in questo periodo, al pari di tutti gli altri in modo semplice ed efficace”.

Video che può essere visto sulle pagine facebook del Comune di Fermo e di SP Ens Fermo.

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 16 del 26 marzo 2020

 

25 marzo

 

DONATI DALLA FARMACIA COMUNALEDISPOSITIVI DI PROTEZIONE ALLA CASA DI RIPOSO SASSATELLI

 

In questi giorni di emergenza anche la Farmacia Comunale ha voluto prendersi cura di situazioni di necessità con un’attenzione per quelle fasce più sensibili e fragili. Ha donato così dei dispositivi di protezione a beneficio degli ospiti e degli operatori della Casa di Riposo “Sassatelli” di Fermo.

“In un momento di generale difficoltà di reperimento, la Farmacia Comunale è riuscita a procurarsi 200 mascherine immediatamente girate, ovviamente in maniera gratuita, al nostro Sassatelli. Ci tengo a ringraziare – le parole del Sindaco Paolo Calcinaro - la nostra Farmacia, sottolineando ancora una volta la sua importante connotazione sociale, e chi dal Comune di Fermo al Sassatelli ha "costruito" rapidamente questa operazione necessaria”.

“Ci siamo sentiti di dare il nostro contributo come è nella mission della Farmacia Comunale, in questo momento di emergenza -  ha detto il Presidente della Pharma.com Andrea De Santis – a favore di una realtà come la Casa di riposo Sassatelli, radicata in città e nel territorio”.

“In un momento difficile come questo, è importante coordinare le forze e mettersi a disposizione di coloro che hanno bisogno di essere assistiti ma anche considerati socialmente – ha detto l’assessore alle Partecipate Savino Febi - e in questo la farmacia comunale, nei limiti delle sue possibilità, ha perfettamente colto la situazione del momento”.

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 15 del 25 marzo 2020

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 14 del 25 marzo 2020

 

 

24 marzo

 

ASITE si adegua alla nuova direttiva regionale per il conferimento dei rifiuti e prosegue nelle operazioni di pulizia, raccolta e igienizzazione. Nuovo servizio domiciliare dedicato per le famiglie in quarantena. L’azienda è sempre in movimento per i servizi alla città

 

Continuano gli interventi di igienizzazione in città: camion e spazzatrici girano costantemente per tutto il territorio comunale con prodotti per la sanificazione delle strade e delle aree pubbliche, gli operatori ecologici muniti di mascherina proseguono nella raccolta rifiuti rispettando programmi e calendari, anche garantendo la sanificazione delle isole ecologiche (pure quelle elettroniche), e quando necessario collaborano con la Polizia Municipale per l’esecuzione delle direttive governative sulla chiusura di parchi ed aree pubbliche.

Dietro a queste figure in prima linea, ce ne sono però tante altre che nell’azienda ASITE lavorano a ranghi ridotti ma con la stessa funzionalità di quando non si era in emergenza. Insomma, la municipalizzata del Comune di Fermo ha messo in campo una task-force di cui andare fieri, perché sta fornendo a tutti i livelli una prova di forza nella gestione dell’emergenza Covid 19.

Solo per citare un esempio, negli ultimi giorni il settore Cigru, dove confluiscono i rifiuti di tutto l’ambito, ha dovuto affrontare la nuova ordinanza regionale che prescrive modalità di raccolta e smaltimento rifiuti distinta per persone positive e/o in stato di quarantena. In esecuzione di tale Ordinanza, il servizio di raccolta differenziata proseguirà regolarmente in ogni zona della città, ma ad ogni famiglia tra quelle in stato di quarantena verrà consegnato dagli operatori Asite o dalla Protezione Civile un apposito kit con specifiche istruzioni per il conferimento rifiuti. Per loro è stato infatti subito approntato un servizio dedicato domiciliare. Particolari accorgimenti saranno adottati anche per lo smaltimento dei rifiuti provenienti da tali utenze. Anche gli altri Comuni si stanno uniformando all’ordinanza regionale n. 13 ed il settore discarica si farà trovare pronto, eseguendo le indicazioni di Regione e Provincia.

Nel commentare questa nuova organizzazione del servizio, l’assessore Alessandro Ciarrocchi ha speso nuovamente parole di ringraziamento per il personale Asite: “in poche ore l’azienda è riuscita a mettersi nelle condizioni di eseguire le giuste direttive regionali. Ho chiamato il Presidente Paradisi per confessargli che non finiscono mai di sorprendermi. A conti fatti, una delle poche conseguenze positive di questa emergenza è l’aver potuto dare dimostrazione che Asite è un’azienda che funziona. Mi fa piacere constatare attraverso i social che i cittadini si stanno rendendo sempre più conto che la nostra partecipata è una risorsa preziosa, fatta di persone che vogliono bene alla nostra città. Interpretando il pensiero comune rivolgo i complimenti al CDA ed al Direttore Generale ma anche al Direttore della discarica, al responsabile servizio ambiente ed a tutti gli operari e impiegati che quotidianamente passano davanti le nostre case oppure lavorano sugli impianti o in amministrazione per far sì che tutti i servizi siano garantiti nonostante l’emergenza. Ad ognuno di loro va il grazie dell’Amministrazione e penso della totalità dei fermani. Ringrazio anche i cittadini perché stanno collaborando per la buona riuscita dei servizi nonostante le immanenti difficoltà”.

 

 

23 marzo

 

nuovo modello autodichiarazione per spostamenti da scaricare

(sulla base delle nuove disposizioni introdotte dal dpcm 22 marzo 2020)

 

22 marzo

 

Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri 22 marzo 2020

 

21 marzo

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 13 del 21 marzo 2020

 

20 marzo

 

PROSEGUONO GLI INTERVENTI DI IGIENIZZAZIONE DELLA CITTA’A CURA DELLA FERMO ASITE

Continua ininterrottamente l’azione di igienizzazione della città, con uomini e mezzi della Fermo Asite.Oltre a garantire ogni giorno l’erogazione dei servizi essenziali (come pulizia, verde,  raccolta e smaltimento rifiuti), gli operatori portano avanti anche gli interventi di igienizzazione in tutto il territorio comunale, con quattro mezzi, nell’intero arco della giornata, con turni che vanno dalle 5 del mattino fino a sera.Gli interventi vengono effettuati utilizzando prodotti specifici e sicuri nei punti più sensibili della città e nei quartieri di Fermo, dal centro alla costa. Queste azioni rientrano nel programma che la città ha già messo in atto da quasi una settimana per contrastare l’emergenza, che verranno ripetute in questi giorni e nei prossimi con un calendario di tappe che comprende nella sua completa interezza il territorio comunale.

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 12 del 20 marzo 2020

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 11 del 20 marzo 2020

 

19 marzo

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 10 del 19 marzo 2020

 

 I punti principali dell'Ordinanza:

- per evitare assembramenti di persone sono chiusi al pubblico spiagge, parchi, parchi gioco e giardini pubblici;

- l’uso della bicicletta e lo spostamento a piedi sono consentiti esclusivamente per le motivazioni ammesse per gli spostamenti delle persone fisiche (lavoro, ragioni di salute o altre necessità come gli acquisti di generi alimentari);

- in caso di passeggiata per ragioni di salute o uscita con l’animale di compagnia per le sue esigenze fisiologiche, si è obbligati a restare in prossimità della propria abitazione e l'uscita deve essere svolta individualmente.

 

18 marzo

 

Asite al lavoro per sanificare e disinfestare la città. Sempre garantiti tutti i servizi di pulizia e raccolta rifiuti. Chiuso l’Ecocentro

L’appello al rispetto delle prescrizioni di permanenza domiciliare

 

In linea ed in ottemperanza alle disposizioni governative volte a contrastare e contenere l’emergenza sanitaria da Covid 19, l’Ecocentro comunale in contrada San Martino rimarrà chiuso al pubblico fino al 2 aprile.

“Una misura necessaria, visto il numero elevato di persone che si sono recate all’Ecocentro per un attività che in questo momento non è essenziale – le parole del Sindaco Paolo Calcinaro. L’invito è quello assolutamente importante di restare a casa, un invito fondamentale, un appello alla responsabilità ed alla collaborazione di tutti”.

La Fermo Asite ricorda che per conferimenti urgenti è possibile telefonare al numero dedicato, per prendere un appuntamento, allo 0734. 620851 e che per aggiornamenti e info si può consultare la pagina web www.asiteonline.it o la pagina facebook “Fermo Asite la raccolta differenziata a Fermo” (https://www.facebook.com/groups/130412763647619/).

Intanto prosegue ogni giorno, il lavoro portato avanti dal Servizio Ambiente della Fermo Asite e sono garantiti i servizi essenziali erogati, ovvero pulizia, verde,  raccolta e smaltimento rifiuti (in allegato il vademecum su come raccogliere e gettare i rifiuti domestici). Gli operatori, muniti di mascherine e guanti, quotidianamente portano avanti il loro lavoro a beneficio della città, adottando particolari accorgimenti anche per l'accesso in azienda e negli spogliatoi.  

E continuano, sempre a cura della Fermo Asite, con mezzi stradali e di prossimità le operazioni di sanificazione (foto) delle aree pubbliche in tutto il territorio comunale, dal mattino alle 5 fino ad orario notturno. Quattro mezzi che stanno effettuando interventi su zone sensibili, strade e vicoli, panchine, corrimano, ascensori, fermate autobus, strutture pubbliche di tutta la città e dei quartieri (questa sera sarà la volta della costa).

“Il lavoro delle squadre dirette da Gionni Renzi è encomiabile – dichiara l’assessore alle Politiche Ambientali Alessandro Ciarrocchi. Con numeri ridotti e con limitazioni oggettive dovute alle necessarie precauzioni da adottare, stanno riuscendo a garantire tutti i servizi aggiungendo in questi giorni una capillare sanificazione e disinfestazione di tutti i quartieri della città con i mezzi a loro disposizione. Purtroppo qualcuno tra gli operatori mi rappresenta il senso di frustrazione nel timore di vedere vanificato il loro impegno da tanta gente che ancora oggi non si attiene alle prescrizioni girovagando per la città anziché permanere nella propria abitazione. Anche la chiusura dell'Ecocentro si è resa necessaria visto l'immotivato accesso massivo di cittadini non compatibile con le limitazioni imposte dagli organi di governo. Il servizio resterà attivo solo per comprovati casi di emergenza /necessità chiamando il numero dedicato”.

 

 

 

17 marzo

 

nuovo modello per autodichiarazione per spostamenti da scaricare

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 9 del 17 marzo 2020 (ulteriore razionalizzazione servizi ferroviari)

 

aggiornamento

 

#IORESTOACASA. BIBLIOTECA R. SPEZIOLI DI FERMO ON LINE. ACCESSO GRATUITO A LIBRI , GIORNALI E MUSICA DA CASA.Ecco il vademecum per accedere al servizio nei giorni di “clausura” forzata

 

#IoRestoaCasa.  In questo periodo così difficile, anche le biblioteche possono dare un loro, magari piccolo contributo, facilitando l’accesso dei propri utenti a servizi on-line culturali, consentendo a tutti coloro che lo vogliano di leggere da casa, come da disposizioni governative, giornali, riviste e ebook, in modo del tutto gratuito. Un servizio reso grazie a MLOL, il portale di biblioteca digitale della Regione Marche che, per tutti i suoi cittadini, è disponibile, gratuitamente appunto, tramite l'iscrizione in una delle biblioteche dei due poli marchigiani. Libri in formato digitale, quotidiani, musica, audiolibri e tanto altro ancora, passando anche per Spotify, sono queste le risorse elettroniche della grande biblioteca regionale che si potranno accedere comodamente dal computer di casa oppure direttamente da uno smartphone o tablet, avendo a disposizione migliaia e migliaia di titoli. “Nel rinnovare l’invito, assolutamente importante, di restare a casa, #IoRestoaCasa, anche la cultura e la nostra Biblioteca vogliono essere vicini a tutti, grazie alle moderne tecnologie – dichiara l’assessore alla cultura Francesco Trasatti - dando la possibilità di poter scaricare libri, giornali e musica in modo semplice e gratuito, che in questo periodo in cui le biblioteche e i luoghi di cultura sono chiusi rappresentano un modo per poter continuare a leggere e gustarsi storie comodamente da casa, casa che in questo momento è, lo sottolineo, il baluardo primario per contrastare questa emergenza”.

 

Come fare allora ad iscriversi?

1. Contatta la biblioteca civica di Fermo Romolo Spezioli tramite la sua pagina Facebook oppure la seguente mail: lcubrd@yahoo.it;

2. Comunica il tuo nome e cognome, codice fiscale, la tua mail e di avere preso visione dell’informativa della privacy consultabile on-line http://www.regione.marche.it/portals/0/Cultura/Biblioteche/Informativa_privacy_SBM.pdf, dando il consenso al trattamento dei dati personali. (attenzione: per coloro che non siano utenti già iscritti in una delle biblioteche dei due Poli regionali, alla riapertura delle stesse dovrà esser effettuata l'apposita registrazione, pena la decadenza dal servizio);

3. MLOL ti invierà una mail con le credenziali di accesso ed un link per abilitare il servizio;

4. al primo accesso, abbina l'account alla biblioteca di Fermo;

5. una volta entrato nel portale di MLOL, dal campo “Cerca” potrai verificare la presenza di un titolo di tuo interesse, mentre dai menù laterali potrai curiosare tra le varie categorie quanto possa maggiormente interessarti.

Ricordati di scaricare la App MLOL Reader per poter leggere tutti quei documenti che sono prestabili: Laap, infatti, renderà il file decriptato sul tuo dispositivo per 14 giorni ed è scaricabile dal menù situato nella banda grigia in fondo alla pagina.

 

 

SERVIZI DEMOGRAFICI:  DAL 17 MARZO AL 3 APRILE GARANTITE ATTIVITA’ INDIFFERIBILI IN PRESENZA, RESE SOLO NELLA SEDE CENTRALE DI VIA MAZZINI, RIGUARDANTI LO STATO CIVILE

 

Il Settore Servizi Demografici del Comune di Fermo comunica che, a seguito delle disposizioni governative in materia di contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19, dal 17 marzo 2020 al 3 aprile 2020 verrà garantito, unicamente presso la sede centrale di via Mazzini, lo svolgimento delle attività  indifferibili da rendere in presenza,  riguardanti lo stato civile (tel. 0734 284290):  atti di nascita e atti di morte (dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 – il sabato in reperibilità solo per atti di morte).

 

Il rilascio delle carte d’identità’ avverrà solo in caso di emergenza e su prenotazione telefonica (tel. 0734 284267 – 284209).

La validità delle carte d’identità scadute o in scadenza alla data di entrata in vigore del D.L. 18 del 17/03/2020, “Cura Italia”, è prorogata al 31 agosto 2020.

Le richieste di certificazione e le pratiche per cambi di residenza saranno ricevute (ed evase) solo on line tramite le seguenti email

-         pec: servizi.demografici@pec.comune.fermo.it

-         email: ufficio.anagrafe@comune.fermo.it

(necessario compilare il modulo ministeriale scaricabile dal sito del Comune www.comune.fermo.it nella sezione Servizi Demografici, inviandolo via email insieme ai documenti d’identità degli interessati).

 

aggiornamento

 

16 marzo

 

EMERGENZA SANITARIA: AVVIATE DALLA FERMO ASITE LE OPERAZIONI DI SANIFICAZIONE DELLE AREE PUBBLICHE DELLA CITTA’.

MANCATO RISPETTO DEL DECRETO GOVERNATIVO: CHIUSA UN’ATTIVITA’ COMMERCIALE E SCATTATE TRE DENUNCE PER AUTOCERTIFICAZIONI PER SPOSTAMENTI SENZA COMPROVATE ESIGENZE.

SOSPESI I PAGAMENTI DI MARZO DELLE RETTE DELL’ASILO NIDO E DEL TRASPORTO SCOLASTICO

 

Avviate dalla Fermo Asite con mezzi stradali e di prossimità le operazioni di sanificazione delle aree pubbliche cittadine. Quattro mezzi che stanno effettuando interventi su zone sensibili e importanti (foto) e si proseguirà anche su strade e vicoli. L’invito è quello, come più volte ripetuto in questi giorni, di restare a casa e di attenersi alle regole in termini di sicurezza e tutela della salute.

E a proposito del decreto governativo per contrastare e contenere la diffusione dell’epidemia da Covid 19, sono state elevate tre denunce dalla Polizia Locale per automobilisti che si spostavano con autocertificazione priva di comprovate esigenze (che, come prevede il decreto, devono essere lavorative, di salute o di necessità). Chiusa anche un’attività commerciale che non rispettava i dettami del decreto governativo.

Sul fronte invece dei servizi, che sulla base delle normative governative in questi giorni sono sospesi come l’attività scolastica, in conseguenza di questo sono sospesi i pagamenti del mese di marzo della retta dell’asilo nido comunale e del trasporto scolastico.

 

 

15 marzo

 

COVID 19: PROSEGUONO GLI APPELLI DEL SINDACO E DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Fonica sulla costa per invitare a restare a casa. Prosegue il servizio di consegna a domicilio di alimentari e medicinali

 

“L'arma che ci rimane è continuare l'isolamento per almeno altre due settimane. E’ importante farlo capire ai nostri anziani e ai più giovani. Non muoversi, non uscire anche se è passata la febbre e rispettare il metro di distanza ovunque. La partita che si gioca è grande veramente. È il futuro, non c'eravamo abituati. Ma dobbiamo farlo sempre con più costanza”.

Le parole del Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro che rinnova il suo appello al senso di responsabilità di tutti per contrastare e contenere l’emergenza sanitaria in corso.

In città, a Fermo, prosegue incessantemente l’attività di informazione e sensibilizzazione che invita a rimanere a casa anche con messaggi trasmessi attraverso il sistema della fonica, non solo con un  mezzo della Protezione Civile che sta percorrendo tutto il territorio comunale: già da qualche giorno anche con un messaggio diffuso attraverso gli altoparlanti fissi (foto) lungo la costa, a Lido di Fermo per tutta la giornata (con tre passaggi per ogni ora).

Continua anche il servizio di consegna della spesa e dei medicinali a domicilio curato dal Gruppo Comunale della Protezione Civile (che continua il suo servizio di assistenza alla popolazione e alla città anche dal punto di vista logistico) e dal Settore Servizi Sociali del Comune di Fermo a favore di anziani soli non autosufficienti e soggetti in isolamento domiciliare, chiamando il numero 0734 225675.

Servizio che parte dal COC comunale di Piazza Dante, aperto già da qualche giorno e che rimane aperto tutti i giorni con orario al mattino dalle ore 9.00 alle 13.00 (fascia oraria durante la quale si ricevono le richieste per spesa e medicinali) e nel pomeriggio  dalle ore 15.00 alle ore 19.00  (durante tale orario gli operatori provvedono alla distribuzione).

Si ricorda anche che con decreto è stato disposto fino al 3 aprile 2020, che l’attività degli sportelli dei servizi demografici del Comune di Fermo (in città in questi giorni e nei prossimi l’Asite proseguirà con interventi di sanificazione di corrimano, panchine e pensiline), e di quella della delegazione di Capodarco osservino la seguente articolazione dei servizi al pubblico: Capoluogo: Stato Civile; CIE/certificazioni con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00; sabato: reperibilità servizio di stato civile per atti di morte, dalle ore 8:00 alle ore 18:00; Capodarco: rilascio di carte di identità e certificati anagrafici: giovedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00. Inoltre: le pratiche dei cambi di residenza saranno ricevute solo in modalità "on line"; l'accesso agli uffici sarà contingentato in modo che, nello spazio destinato all'attesa dell'utenza, sia presente al massimo un numero simultaneo di persone tale da consentire il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, e comunque non superiore a un numero di dieci unità; al fine di contenere l'emergenza, la cittadinanza è invitata a limitare, il più possibile, l'accesso ai servizi di sportello e ad avvalersi della prenotazione telefonica.

 

 

 

13 marzo

 

aggiornamento

 

CHIUSURA AL PUBBLICO DEI CIMITERI CITTADINI DAL 14 AL 25 MARZO

Fatte salve le operazioni di tumulazione e inumazione

 

Si comunica che, in linea ed in ottemperanza alle disposizioni governative sul contrasto ed il contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid 19, da sabato 14 marzo saranno chiusi al pubblico i cimiteri cittadini di Fermo (Urbano, Torre di Palme e Capodarco) fino al 25 marzo 2020 (così come previsto dal DPCM dell’11 marzo 2020), ad eccezione delle operazioni cimiteriali di tumulazione ed inumazione, eseguite nelle forme consentite ai sensi dei provvedimenti di contenimento adottati dal DPCM 11 marzo 2020.

 

aggiornamento

 

COVID 19: ECOCENTRO APERTO SOLO TRE GIORNI A SETTIMANA IN ORARIO MATTUTINO

Nuova misura dalla prossima settimana per evitare assembramenti

 

L’Ecocentro di contrada San Martino a Fermo rimarrà aperto, a partire dalla prossima settimana e fino a nuova disposizione della Fermo Asite, solo ed esclusivamente nei giorni di lunedì, mercoledì e sabato dalle ore 7.00 alle ore 11.30 (e non l’intera settimana come avveniva prima). “La misura  - spiega il Sindaco Paolo Calcinaro - si è resa necessaria perché i cittadini non si sono regolati, mentre devono andare all’Ecocentro solo se strettamente necessario. Monitoreremo il comportamento nelle prossime ore e, se doveroso, chiuderemo totalmente. Nel frattempo colgo l’occasione per ringraziare il Personale Asite che sta portando avanti il lavoro nella quasi totalità dei servizi con grande professionalità in un momento così difficile”.

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 8 del 13 marzo 2020

 

 

*****************************************

 

                 

 

12 marzo 2020

 

 

Ordinanza regionale numero 7 del 12 marzo 2020, che fissa il programma di razionalizzazione dei servizi ferroviari, da attuare a partire dalle ore 00.00 del 13 marzo 2020.Il piano assicura lungo le varie direttrici almeno un treno per ogni ora, per consentire gli spostamenti così come disciplinati e previsti dal Dpcm 9 marzo 2020 ed 11 marzo 2020 (cioè per motivi di lavoro, di salute e per necessità).

Cliccando sull'ordinanza qui sotto puoi leggere l'elenco dei treni cancellati:

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 7 del 12 marzo 2020

 

 

DPCM 11 marzo 2020

 

aggiornamento

 

L’Amministrazione Comunale di Fermo da questa mattina sta diffondendo un messaggio in tutta la città con la fonica, con un mezzo della Protezione Civile dotato di altoparlanti, con cui si ricorda a tutti “l’obbligo di rimanere a casa, di evitare gli spostamenti, se non necessari e motivati per esigenze di lavoro, di necessità o di salute. In caso di sintomi o dubbi, rimanete a casa – continua il messaggio – non recatevi al pronto soccorso ma chiamate il vostro medico di famiglia o la guardia medica o il numero verde regionale. Rimanere a casa è a tutela della salute vostra, dei vostri cari e di tutta la nostra comunità”.

 

Un messaggio il cui senso e le cui parole in questi giorni sono giunti più volte via comunicati stampa e via social dal Sindaco Paolo Calcinaro e dall’Amministrazione Comunale tutta, per sensibilizzare maggiormente la popolazione fermana su questa emergenza e che ora viene ribadito anche con questo mezzo.

 

 

 

aggiornamento

 

FERMO ASITE: GARANTITI I SERVIZI ESSENZIALI DI PULIZIA, VERDE, RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI

 

Nonostante l’emergenza sanitaria in corso, prosegue immancabilmente, ogni giorno, il lavoro portato avanti dal Servizio Ambiente della Fermo Asite. Vengono, infatti, comunque garantiti i servizi essenziali erogati dalla partecipata comunale, ovvero pulizia, verde,  raccolta e smaltimento rifiuti. Anche il settore Cigru resta in funzione, con personale ridotto. Gli operatori, muniti di mascherine e guanti, quotidianamente portano avanti il loro lavoro a beneficio della città, adottando particolari accorgimenti anche per l'accesso in azienda e negli spogliatoi.  

Tuttavia, proprio per l’eccezionalità della situazione venutasi a creare, alcuni servizi proseguono con orari ridotti, altri, come il ritiro a domicilio degli ingombranti, così come il Centro del Riuso e quello di raccolta della plastica presso gli ecoraccoglitori Pandaa House a Campiglione e Lido di Fermo, sono momentaneamente sospesi; non appena possibile verrà comunicata la loro riattivazione.

“Ringrazio di cuore il personale e gli operatori della Fermo Asite che, sempre con impegno per la città e per tutti i cittadini, con grande sacrificio stanno garantendo i servizi essenziali in questi momenti difficili – le parole dell’assessore alle Politiche Ambientali Alessandro Ciarrocchi.  Stanno operando con le massime precauzioni vista la situazione di emergenza. Tutti i servizi ambientali primari sono garantiti, sia pure con alcune restrizioni orarie e con una significativa modifica dell'organizzazione del Personale, che riguarda anche gli uffici. Con la direzione dell’azienda e l’ufficio ambiente abbiamo pensato di sospendere solo le attività che potevano comportare l'accesso presso le abitazioni degli utenti o comunque un contatto diretto tra le persone, come ad esempio  il centro del riuso, sempre molto frequentato, ed i nuovi eco-raccoglitori di plastica, che in pochi giorni dalla loro attivazione avevano sorprendentemente registrato un numero elevatissimo di conferimenti. L’Ecocentro in contrada San Martino effettuerà solo apertura mattutina. I soggetti esterni potranno accedere alle sedi solo per comprovate esigenze non differibili (ad esempio i corrieri per la consegna di beni strumentali). Confidiamo nella comprensione e nella collaborazione di tutti, con l’auspicio di tornare  presto alla normalità".

 

aggiornamento

 

MERCATI SETTIMANALI DEL SABATO SOSPESI FINO AL 3 APRILE

 

L’Assessorato al Commercio del Comune di Fermo comunica che, in linea ed in ottemperanza con le misure normative nazionali per il contenimento ed il contrasto della diffusione del Covid 19 nell’ambito dell’emergenza  sanitaria in corso, anche i mercati settimanali del sabato di Piazzale Tupini e viale Vittorio Veneto sono sospesi fino al 3 aprile 2020.“Anche in questo caso una misura per evitare assembramenti in questo particolare momento – le parole dell’assessore al commercio Mauro Torresi. Una misura cautelativa importante che tutela fasce di persone che si recano al mercato settimanale per i loro acquisti”.

 

 

11 marzo 2020

 

 

 

 

In relazione all’emergenza sanitaria da Covid 19, in ottemperanza ai provvedimenti governativi che limitano gli spostamenti della popolazione sul territorio, il Comune di Fermo ed il Gruppo Comunale della Protezione Civile hanno attivato il COC (Centro Operativo Comunale) nella sede di Piazza Dante per poter essere di maggiore ausilio e assistenza alla cittadinanza.

 

Il centro operativo in questo particolare frangente svolgerà servizio, a beneficio in particolare delle fasce deboli come gli anziani e le persone sottoposte a isolamento preventivo, di trasporto spesa e di medicinali a domicilio che verrà effettuato sia dagli operatori dei Servizi Sociali che dai volontari del Gruppo comunale.

 

Il centro rimarrà aperto tutti i giorni con orario al mattino dalle ore 9.00 alle 13.00 (fascia oraria durante la quale si riceveranno le richieste per spesa e medicinali) e nel pomeriggio  dalle ore 15.00 alle ore 19.00  (durante tale orario gli operatori provvederanno alla distribuzione).

 

Per poter usufruire di questo servizio, gratuito e a completa disposizione della cittadinanza, in particolare per anziani soli non autosufficienti e soggetti in isolamento domiciliare, è necessario contattare il numero 0734 225675.

 

“Si tratta di un servizio unico, centralizzato, un servizio importante che ha visto e che vede tante associazioni, che ringrazio insieme ai settori comunali, anche dare la loro disponibilità. Un servizio che è di sostegno e di aiuto con cui si provvede ad assistere particolari categorie più deboli - le parole del Sindaco Paolo Calcinaro che aggiunge facendo appello al senso di responsabilità di tutti: l’invito è comunque in questo momento quello di restare a casa”.

 

“Un servizio che vede insieme la sinergia fra settori e la grande collaborazione di tanti volontari sia del Gruppo Comunale di Protezione Civile, per cui ringrazio il dirigente Alessandro Paccapelo ed il referente e coordinatore Lorenzo Paniccià, ma anche del volontariato in generale, a dimostrazione che uniti e insieme e con la collaborazione dei cittadini potremo superare anche questo momento difficile” – ha detto l’assessore Ingrid Luciani, con delega alla Protezione Civile.

 

Inoltre, per essere più vicini alle fasce più deboli, il Settore dei Servizi Sociali ha potenziato il SAD (Servizio Assistenza Domiciliare), volto a monitorare e garantire il soddisfacimento dei bisogni primari delle persone in condizione di fragilità, sole e senza rete familiare mediante un intensificazione degli accessi domiciliari e dei contatti telefonici da parte degli operatori sociali.

 

“Sia il servizio di assistenza con il trasporto di spesa e medicinali sia il rafforzamento del Sad sono due servizi che abbiamo voluto fortemente – ha detto l’assessore alle Politiche Sociali Mirco Giampieri -  come segno di grande attenzione nei confronti delle fasce più fragili che, in questo particolare momento, hanno bisogno di essere più seguite. Un ringraziamento lo voglio rivolgere agli assistenti sociali, ai dipendenti del Settore Servizi Sociali, al Dirigente Gianni Della Casa ed al Coordinatore d’Ambito Alessandro Ranieri per la loro disponibilità in questa situazione emergenziale e al Gruppo Comunale della Protezione Civile con cui si sta attivamente collaborando”.

 

 

LA PROTEZIONE CIVILE INVITA A SEGUIRE DELLE SEMPLICI MA BASILARI REGOLE:


-Lavati spesso le mani
-Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute

-Rispetta la distanza di 1 metro

-Evita luoghi affollati
-Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
-Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci
-Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico
-Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
-Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate

-Se hai sintomi non recarti al pronto soccorso ma chiama il medico di famiglia o il pediatra, la guardia medica, il 1500 o il numero verde regionale 80936677

-Limita gli spostamenti e, se non per comprovate esigenze di lavoro o salute, resta a casa.

 

 

aggiornamento

 

CIRCOLARE ESPLICATIVA A SEGUITO DEL DPCM 9 MARZO 2020

 

 

 

 

 

 

10 marzo 2020

 

aggiornamento

 

ORARI SPORTELLI SERVIZI DEMOGRAFICI

 

In virtù delle disposizioni del DPCM 9 marzo 2020, che estende le misure di cui all'art. 1 del Dpcm 8 marzo 2020 a tutto il territorio nazionale,  vietando ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico (dal 10 marzo 2020 sino al 3 aprile 2020) e ritenuto quindi, nella fase di gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019, di operare una riduzione dell'apertura degli sportelli dei servizi demografici ai fini del contenimento dell'emergenza stessa, con decreto sindacale è stato disposto, con effetto dall'11 marzo 2020 fino al 3 aprile 2020, che l’attività degli sportelli dei servizi demografici del capoluogo e di quella della delegazione di Capodarco osservi la seguente articolazione dei servizi al pubblico:

 

Capoluogo

 

- Stato Civile; CIE/certificazioni con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00;

 

- sabato: reperibilità servizio di stato civile per atti di morte, dalle ore 8:00 alle ore 18:00;

 

Capodarco:                 

 

- rilascio di carte di identità e certificati anagrafici: giovedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00;     

 

2) le pratiche dei cambi di residenza saranno ricevute solo in modalità "on line";

 

3) l'accesso agli uffici sarà contingentato in modo che, nello spazio destinato all'attesa  dell'utenza, sia presente al massimo un numero simultaneo di persone tale da consentire il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, e comunque non superiore a un numero di dieci unità;

 

4) al fine di contenere l'emergenza, la cittadinanza è invitata a limitare, il più possibile, l'accesso ai servizi di sportello e ad avvalersi della prenotazione telefonica.

 

aggiornamento

 

 

Emergenza Coronavirus, nota dei Sindaci di Fermo,Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio e Sant’Elpidio a Mare:“I limiti di orario 6-18 sono estesi a pizzerie,gastronomia, gelaterie ed esercizi similari”

 

Alla luce delle disposizioni del decreto del Presidente del Consiglio del Ministri sulle ‘Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid 19’, i Sindaci dei Comuni di Fermo, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio e Sant’Elpidio a Mare ritengono prudenzialmente opportuno precisare quanto segue:

 

“quanto previsto dall’art.1 (“sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle ore 6 alle 18, con obbligo, a carico del gestore, di  predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di  sicurezza interpersonale di almeno un metro”) è da intendersi esteso anche a tutte quelle attività che, seppur non citate nella predetta disposizione normativa, possono ugualmente essere assimilate per la tipologia e modalità del servizio prestato.

 

Nello specifico: le attività artigianali di pizzerie, gastronomia, gelaterie ed esercizi similari, che pertanto sono soggette all’osservanza dell’orario di apertura al pubblico dalle ore 6 alle ore 18, fatta eccezione per il servizio a domicilio che può esser effettuato anche dopo le ore 18”.

 

 

aggiornamento 

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 6 del 10 marzo 2020

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n. 5 del 10 marzo 2020

 

Ordinanza Presidente Giunta Regione Marche n.4 del 10 marzo 2020

 

 

aggiornamento

 

In ottemperanza a quanto disposto dal DPCM 9 marzo 2020, all’art. 1, comma 3, in vigore da oggi 10 marzo e fino al 3 aprile 2020: “la lettera d) dell'art. 1 decreto del Presidente  del  Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 e' sostituita dalla seguente: «d) sono sospesi gli eventi e le competizioni  sportive  di  ogni ordine e disciplina, in  luoghi  pubblici  o  privati.  Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti,  professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato  olimpico  nazionale italiano (CONI) e dalle rispettive federazioni, in vista  della  loro partecipazione ai giochi olimpici o  a  manifestazioni  nazionali  ed internazionali; resta consentito esclusivamente lo svolgimento  degli eventi  e  delle  competizioni  sportive  organizzati  da   organismi sportivi internazionali, all'interno di impianti sportivi  utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di  pubblico;  in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo  del proprio personale medico,  sono  tenute  ad  effettuare  i  controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del  virus  COVID-19  tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che  vi partecipano; lo sport e le attività motorie svolti all'aperto sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile  consentire  il rispetto della distanza interpersonale di un metro».”

 

aggiornamento

 

scarica l'autodichiarazione per gli spostamenti

 

DECRETI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

 

DPCM 9 MARZO 2020

 

DPCM 8 MARZO 2020

 

DPCM 4 MARZO 2020

 

DPCM 1 MARZO 2020

 

ORDINANZE REGIONE MARCHE

 

Ordinanza n. 1

 

Ordinanza n. 2

 

Ordinanza n.3

 

NUMERO VERDE REGIONE MARCHE 800936677 (attivo dalle ore 8 alle ore 20.00)

 

 

 

7 marzo 2020

 

CONTENIMENTO E CONTRASTO DELLA DIFFUSIONE DEL COVID 19:

LE MISURE ADOTATTE DA COMUNE E AMBITO SOCIALE PER I SERVIZI SOCIO EDUCATIVI

  

Allo scopo di adottare misure volte a contenere e contrastare la diffusione del Covid 19, ieri mattina si è tenuto un incontro cui hanno preso parte l’Amministrazione Comunale, il Settore Servizi Sociali e l’Ambito XIX insieme ai referenti delle varie strutture Cser, servizi socio educativi, scolastici, cooperative e aziende ospitanti i tirocini sociali per approntare le misure più idonee a tale azione.

 

Dall’incontro è emersa la volontà di poter proseguire i servizi adeguandoli e mirandoli alle esigenze delle diverse situazioni in accordo con le famiglie.

 

Il percorso progettato:

 

-         per i Cser e Centro Sollievo, in collaborazione con il Dsm: da lunedì verranno elaborate modalità con attività integrative per beneficiari e famiglie;

 

-         Servizi educativi scolastici per disabili: verranno verificate le situazioni, caso per caso per creare supporto a domicilio con la presenza di un educatore e accompagnare i beneficiari in questo periodo di chiusura delle scuole;

 

-         Sad per anziani: monitoraggio per situazioni che hanno bisogno di presenza di operatori a casa e incrementare le visite a domicilio per verificare le condizioni di anziani fragili;

 

-         Tirocini inclusioni sociali: i beneficiari dovranno seguire le indicazioni delle aziende o degli enti dove sono inseriti.

 

“Misure importanti – ha detto il Sindaco Paolo Calcinaro – che fanno parte di un percorso elaborato anche con risorse importanti, percorso elaborato dai Servizi Sociali che ringrazio per il lavoro che stanno portando avanti. Fra queste appunto il sostegno scolastico per gli alunni disabili che sarà convertito in possibile sostegno domiciliare per gli stessi soggetti fragili; verrà intensificato il SAD (servizio assistenza domiciliare) soprattutto per gli anziani senza rete familiare anche per verificarne costantemente le condizioni di salute; le assenze all'asilo nido saranno scalate (come accaduto già per il sisma) sulle rette più prossime rispetto al fine anno. Nei prossimi giorni metteremo a punto anche una serie di agevolazioni anche su Tari e occupazione di suolo pubblico per quelle categorie che risultano più colpite, anche sulla base del decreto di oggi. Abbiamo aperto un tavolo di confronto con Solgas anche per misure inerenti questo settore”.

“Un percorso che vede insieme istituzioni e referenti dei vari servizi per un lavoro congiunto – le parole dell’assessore ai Servizi Sociali Mirco Giampieri - per dare misure concrete e mirate ai beneficiari e alle loro famiglie, cui va sempre la nostra attenzione”.

 

“In una situazione come questa nei riguardi di soggetti più fragili non possono essere adottate soluzioni generalizzate – ha detto Gianni Della Casa, Dirigente del Settore Servizi Sociali del Comune di Fermo: è il momento di diversificare e mirare i nostri servizi sulla base delle reali esigenze delle famiglie caso per caso. E’ lo sforzo che abbiamo chiesto a noi stessi e agli operatori che collaborano con noi”.

 

“Dunque interventi mirati e adeguati alle diverse situazioni che monitoriamo e di cui avremo un report capillare in questi giorni proprio per poter rendere efficaci queste misure” – ha detto Alessandro Ranieri, coordinatore dell’Ambito XIX.

 

 

5 marzo 2020

 

In ottemperanza ed in linea con le direttive governative per contenere e contrastare la diffusione del contagio epidemiologico da Covid 19, si comunica che gli Uffici del Comune di Fermo restano aperti, adottando comunque norme di comportamento, alle quali si chiede gentilmente di attenersi.

Pertanto, a tutela degli utenti e dei dipendenti sono state emanate le seguenti indicazioni:

  • negli spazi destinati all’attesa non possono entrare più di 10 persone;
  • negli uffici si potrà entrare uno alla volta, mantenendo la distanza di sicurezza (1 metro) dall’interlocutore;
  • si invita a utilizzare i distributori di gel igienizzante per le mani (posti agli ingressi).

Si ringrazia la cittadinanza per la collaborazione e si confida nel senso di responsabilità di tutti che, in questo difficile momento, è di rilevante importanza.

 

 

2 marzo 2020

 

CORONAVIRUS: LE RACCOMANDAZIONI

DI COMUNE DI FERMO E AREA VASTA N.4

 

In considerazione dell’attuale situazione sanitaria emergenziale in corso, Comune di Fermo e Area Vasta n. 4 per tutelare e contenere l’eventuale contagio da Coronavirus raccomandano vivamente di attenersi scupolosamente alle seguenti indicazioni;

 

-         Non recarsi presso l’Ospedale di Fermo se non per situazioni gravi:

  • Sono sospese momentaneamente tutte le visite e gli esami diagnostici prenotati presso l’ospedale di Fermo; restano garantite le prestazioni nelle sedi periferiche;
  • Tutte le persone che hanno già una prenotazione per i prossimi giorni per prestazioni presso l’ospedale di Fermo saranno contattate dall’AV4 per le informazioni del caso. Le prestazioni sono da considerarsi sospese e NON cancellate;
  • o       Non sarà possibile prenotare le prestazioni presso gli sportelli CUP dell’Ospedale di Fermo. Le prenotazioni potranno essere effettuate preferibilmente tramite numero verde (da fisso 800098798 o da mobile 0721.1779301) o tramite app o sito web MyCupmarche, se proprio necessario presso le sedi periferiche;
  • o        Evitare e, se proprio necessario, limitare l’accesso ai reparti per visite ai degenti.

 

-         In caso di sintomatologia collegabile al Coronavirus (febbre e sintomi respiratori)  non accedere direttamente alle strutture di Pronto Soccorso, ma contattare telefonicamente il proprio medico di medicina generale o pediatra.

 

-         Contattare il 118 solo in caso d'emergenza;

 

-         evitare di ricorrere e affollare le strutture sanitarie per situazioni che non siano gravi o comunque che possano essere oggetto di consultazione del proprio medico di famiglia.

 

-         Quando è possibile scegliere strumenti di comunicazione che non richiedono l’accesso diretto ( telefono, mail, whatsapp)

 

-         Seguire le 10 regole di comportamento diffuse dal Ministero della Salute:

 

Il Ministero della Salute ha messo a disposizione il numero verde 1500, per avere informazioni dirette. Inoltre è attivo e costantemente aggiornato il portale www.salute.gov.it dove sono disponibili gli strumenti informativi predisposti per i viaggiatori e le risposte alle domande più frequenti.

Sul sito della Regione Marche le indicazioni operative sull’emergenza:

https://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Salute/Coronavirus

 ed  il Numero Verde Coronavirus 800936677