Città di Fermo

Città di Fermo

portale istituzionale del Comune di Fermo

Piazza del Popolo

2-sceverti---archi-piazza-copia

Piazza del Popolo è il cuore della città, accurata e lineare nelle forme, è delimitata a monte e a valle da due imponenti portici cinquecenteschi in mattoni. La piazza ospita gli edifici pubblici più antichi, ciascuno con le proprie caratteristiche architettoniche che, tuttavia, rispettano il rigore e l'uniformità della piazza. La piazza venne inizialmente ridefinita sotto Alessandro Sforza, per via dell'arrivo a Fermo di Bianca Maria Visconti, moglie del fratello Francesco, dall'unione con il quale nascerà nel 1444Galeazzo Maria futuro duca di Milano. Prima di assumere la sua attuale denominazione, piazza del Popolo era conosciuta anche con il nome di piazza Vittorio Emanuele, e prima ancora con quello di piazza San Martino. La sua storia è inscindibilmente legata a quella degli edifici che la attorniano, venne ridimensionata l’8 Novembre 1463 ed assunse infine la forma che la caratterizza ancora oggi nel corso del 1659, grazie ad un intervento di ristrutturazione. Piazza del Popolo presenta un chiaro stile quattrocentesco, con edifici lineari ed armoniosi in ogni dettaglio, ed è lunga 135 metri e larga 34. Passeggiando lungo la sua pavimentazione o sotto i suoi bellissimi portici, si potrà riuscire ancora a respirare un po’ di quella stessa aria che soffiava quando il suo cantiere era ancora in costruzione. Essa si presenta ai suoi avventori delimitata da due lunghe file di logge, con portici in cotto, e chiusa ai lati più corti da importantissimi edifici storici: il Palazzo dei Priori, nato nel 1296 dall’unione di un palazzo nobiliare del XIII secolo e di un’antica chiesa, che ospita oggi la Pinacoteca civica di Fermo; il Palazzo apostolico, opera risalente ai primi decenni del XVI secolo, iniziato per volere di Oliverotto Euffreducci e concluso per ordine di Papa Clemente VII ed il loggiato di San Rocco, realizzato nel 1528 e sede della chiesetta di San Martino, edificata a sua volta nel 1505 quale risposta religiosa alla terribile pestilenza che falcidiò l’Europa per ben due secoli dal 1400 al 1600.