Città di Fermo

NOTIZIE

giovedì 06 giugno 2019
Cresce la raccolta differenziata in città: a maggio al 65%

In crescita del 7% rispetto allo stesso periodo del 2018

I numeri che fanno storia. La percentuale della raccolta differenziata in città cresce. Nel solo mese di maggio 2019, infatti, ha superato la soglia del 65%. Mai accaduto prima. La media dei primi cinque mesi del 2019 è del 63%, fatto altrettanto importante e significativo se si considera che, rispetto allo stesso periodo del 2018, è cresciuta di 7 punti percentuali.
 
“E’ una grande soddisfazione per il Comune di Fermo – ha detto il Sindaco Paolo Calcinaro commentando il dato –  dato che quando siamo arrivati era bloccato al 51%. Credo che sia un grandissimo merito dei cittadini fermani, da parte nostra siamo riusciti a coprire anche con investimenti importanti quasi la metà della città che in precedenza non aveva questo servizio. Questo ha due implicazioni positive: da una parte potrà abbassare i costi generali, perché ci sono minori abbancamenti  con l’aumento della differenziata che nei prossimi anni si potrà vedere a livello di Tari: nonostante l’anno scorso non si fosse raggiunto questo  livello, è comunque rimasta assolutamente e totalmente invariata e questo può esser controllato da chiunque; dall’altra parte questo ci consentirà di ragionare sulle possibilità di tariffa puntuale: chi più differenzia può avere accesso a degli ulteriori bonus, obiettivo ambizioso da portare  nei prossimi anni e su cui stiamo con l’orizzonte ben puntato. Ringraziamento che va ai cittadini fermani che stanno interpretando al meglio tutte le iniziative ambientali che il Comune propone, atto doveroso di una città che si sente parte di un Pianeta che deve prendere misure per evitare il peggio”.
 
Una soglia prevista dalle normative europee per non incorrere nell’ecotassa. Il risultato straordinario raggiunto dalla città di Fermo è sicuramente frutto di un lavoro costante e certosino sul tema condotto dall’Amministrazione Comunale e dall’Assessorato all’Ambiente, in collaborazione con l’Asite, con azioni sempre più mirate che vanno dalla sensibilizzazione della cittadinanza e dei giovani attraverso iniziative ad hoc nelle scuole fino ai nuovi sistemi di raccolta differenziata che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato.
 
“Obiettivo conseguito al termine di un importante lavoro di squadra – aggiunge l’assessore all’ambiente Alessandro Ciarrocchi - un risultato che ci aspettavamo perché il trend era positivo da almeno qualche mese, in particolare da quando abbiamo implementato le isole ecologiche informatizzate. Non dimentichiamo però le tante iniziative messe sul campo in tema di sensibilizzazione e di informazione dei cittadini, ma anche i controlli tesi ad indurre il cittadino ad una corretta differenziazione. Continueremo con i progetti attivati nelle scuole ed in città, su tutti il Centro del Riuso, magari introducendo sempre più servizi e strumenti che consentano ai fermani di contribuire fattivamente al bene comune. La crescita è soprattutto merito loro. Finalmente la fatidica soglia del 65% è stata abbattuta, ma quello che più conta è il trend di crescita costante, che si attesta su 7/8 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ci sarà da aspettarsi un piccolo calo fisiologico per l’estate ma confidiamo di tenere questa soglia come media annuale. In questi giorni erano uscite notizie fuorvianti su percentuali e tari, il dato odierno è la dimostrazione esatta e contraria di come invece siamo sulla giusta strada: nonostante una Tari ferma, che non è aumentata ed è addirittura fra le più basse d’Italia fra i capoluoghi di Provincia, il servizio è sempre migliore e la percentuale di raccolta differenziata cresce in maniera costante”.
morefacebook,twitter,arto,vkontakte,surfpeople