Città di Fermo

Aggiornamenti sisma

GIOVEDI' 19 GENNAIO 2017

A seguito dei controlli e dei sopralluoghi effettuati nelle giornata di ieri e di questa mattina nei plessi scolastici di pertinenza comunale per i dovuti accertamenti eseguiti dopo le scosse sismiche di mercoledì 18 gennaio, si comunica che non sono state evidenziate criticità o problematiche di sorta.

Di conseguenza l’attività didattica in tutti gli istituti scolastici cittadini (asilo nido comunale, materne, elementari, medie, superiori e Università) riprenderà regolarmente nella giornata di venerdì 20 gennaio 2017.

 

MERCOLEDI' 18 GENNAIO 2017

leggi il testo dell'ordinanza

aggiornamento delle ore 15:25

Visti gli eventi sismici che si sono ripetuti in giornata i tecnici comunali sono impegnati nei sopralluoghi di verifica danni - per ora assolutamente non emersi - negli edifici scolastici. Stante anche l'ultimo evento registratosi nel primo pomeriggio il Comune, in accordo con la Provincia, emetterà a breve apposita ordinanza per la sospensione delle attività didattiche nella giornata di domani 19 gennaio al fine di consentire i controlli più accurati possibile nei numerosi edifici scolastici di competenza comunale (materne, elementari e medie). Così come accaduto nelle precedenti crisi sismiche, si adotta la massima precauzione anche prolungando i dovuti controlli di 24 ore. Sin da subito si evidenzia come sarà richiesta la presenza del personale ATA al fine di agevolare al meglio ogni ispezione ritenuta. La chiusura riguarderà anche gli Istituit Superiori del territorio del Comune di Fermo.

 

aggiornamento delle 13:40

Al momento non si registrano situazioni di danno nella Città di Fermo per le scosse aventi epicentro più lontano rispetto ai recenti accadimenti. I tecnici comunali proseguiranno i sopralluoghi sugli edifici scolastici (di competenza comunale e quindi di materne, elementari e medie oltre all'asilo nido) nelle prossime ore come già accaduto nelle criticità dei mesi scorsi. Le operazioni dureranno per tutto il tempo che risulterà necessario al fine di poterle svolgere nella maniera più scrupolosa come accaduto sin d'ora. Lo stesso lavoro è attualmente messo in atto dai tecnici della provincia per gli Istituti superiori. Grazie per la collaborazione e cerchiamo, in momenti come questi, di far girare unicamente notizie ufficiali.

 

aggiornamento ore 12.15

A seguito delle scosse sismiche di questa mattina sono state evacuate le scuole cittadine di Fermo, all'interno delle quali sono stati anche avviati controlli e sopralluoghi da parte dei tecnici comunali. Il servizio scuolabus si svolgerà regolarmente. Si invita alla calma ed alla responsabilità e a seguire per aggiornamenti pagina facebook e sito comunale.

 

MERCOLEDI' 9 NOVEMBRE

AGGIORNAMENTI

E’ proseguito per l’intera giornata di oggi il lavoro del Personale del Comune nelle operazioni di trasferimento di banchi, cattedre, sedie e materiale didattico dalle sedi centrali di tre scuole cittadine, “Betti”, “Fracassetti” e “Don Dino Mancini”, che a seguito degli eventi sismici necessitano di lavori di messa in sicurezza, alle sedi alternative che l’Amministrazione Comunale, di concerto con le dirigenze scolastiche che hanno collaborato attivamente, ha voluto opportunamente e speditamente trovare per la ripresa delle lezioni prevista, come da ordinanza, per giovedì 10 novembre.

In particolare:

  • per la Scuola Media “Betti” le aule vengono trasferite nelle aule messe a disposizione nel Polo Scolastico di via Marsala, rispettivamente all’Itet “Carducci-Galilei”, al Liceo Scientifico “T. C. Onesti” e al Liceo Artistico “Preziotti-Licini”;
  • per la scuola secondaria di primo grado “Fracassetti – Capodarco” le aule dalla sede di via Visconti d’Oleggio sono state trasferite alla Scuola Primaria di “San Michele Lido” a Lido di Fermo;
  • per la Primaria “Don Dino Mancini” le aule, limitatamente alle classi del tempo ordinario, vengono trasferite alla Scuola Primaria  “Sant’Andrea” in via A. Mario.

**************************************

Un segno concreto di vicinanza agli sfollati, a coloro cioè che sono rimasti più colpiti dai recenti eventi sismici. Una vicinanza nel segno della lettura e dei libri che contribuiranno a dare forza e speranza a chi in questo momento ne ha più bisogno.E’ lo spirito ed il proposito che hanno animato l’attivazione del Bibliobus, iniziativa adottata congiuntamente dall’Assessorato alla Cultura, dalla Biblioteca Civica “R. Spezioli” e dall’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Fermo, a beneficio degli sfollati, provenienti dalla località del Maceratese maggiormente colpite dai devastanti sismi dei fine ottobre, che attualmente sono ospitati negli alberghi di Lido di Fermo e nei Camping di Marina Palmense.Il bibliobus è un servizio di biblioteca itinerante con prestito librario gratuito, per una settimana, di testi appartenenti ad un’eterogenea collezione di generi letterari, in primis narrativa e saggistica, che sarà attivo da venerdì 11 novembre nelle mattine di lunedì, mercoledì e venerdì secondo questo calendario di tappe e fermate:

lunedì e venerdì:
•    9.00-09.45 camping Girasole (e Paradiso) (Fermata all’interno del Girasole);
•    10.00-10.45 camping Spinnaker (e Gemma) (Fermata all’interno dello Spinnaker);
•    11.15-12.00 Alberghi Lido e Eden (fermata Via L. Macchiavelli, nei pressi della gelateria Pelacani);
•    12.15-13.00 Albergo Charly (fermata nei pressi).

mercoledì: percorso invertito
•     12.15-13.00 camping Girasole (e Paradiso) (Fermata all’interno del Girasole);
•    11.15-12.00 camping Spinnaker (e Gemma) (Fermata all’interno dello Spinnaker);
•    10.00-10.45 Alberghi Lido e Eden (fermata Via L. Macchiavelli, nei pressi della gelateria Pelacani);
•    9.00-09.45 Albergo Charly (fermata nei pressi).

 

LUNEDI' 7 NOVEMBRE 2016

AGGIORNAMENTI

Dalla Regione Marche si riceve e si trasmette:

Per il modulo “Monitoraggio CAS”- Contributi Autonoma Sistemazione - nuclei familiari evacuati dalla prima abitazione

Per l’ottenimento del contributo di autonoma sistemazione da parte dei nuclei familiari evacuati dalla prima abitazione risulta indispensabile quanto segue:

  • I riferimenti dell’ordinanza di sgombero adottata dal Sindaco;

  • Inserimento nel sistema web CohesionWorkPA dei dati relativi al nucleo familiare (n. componenti,  indicazione  soggetti i ultra sessantacinquenni e n. soggetti portatori di handicap o con disabilità non inferiore al 67%) al fine di consentire la determinazione del contributo mensile spettante che viene automaticamente determinato dal sistema, nella fase di rendicontazione mensile (tale adempimento va confermato/variato/integrato  a seconda delle eventuali  variazioni in aumento o diminuzione delle situazioni alla chiusura di ogni mese);

Una volta inseriti i dati, il sistema provvede in automatico alla protocollazione.

I funzionari regionali provvedono alla verifica dei dati inseriti, emanano il decreto di liquidazione e relativo mandato di pagamento.

Si precisa che l’autonoma sistemazione non deve essere obbligatoriamente collegata ad un contratto di affitto, in quanto le famiglie possono avere il contributo anche se domiciliate presso parenti, amici, ecc.


Riferimenti assistenza modulo CAS:

Telefono 071 8064011

scarica modello di domanda

 

AGGIORNAMENTO

La Protezione Civile Nazionale ha diffuso la seguente nota:

 "Terremoto Centro Italia: firmata la procedura per la valutazione urgente di agibilità

La procedura FAST non si applica agli edifici già dichiarati inagibili con scheda Aedes

Dopo le ultimi forti scosse del 26 e del 30 ottobre i Sindaci dei Comuni maggiormente interessati possono chiedere l’attivazione di una procedura FAST-Fabbricati per l’Agibilità Sintetica post-Terremoto, per la verifica dell’agibilità post sismica degli edifici privati. Questo tipo di valutazione consente di individuare le esigenze abitative sul territorio".

Vedi il seguente link: http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_new.wp?contentId=NEW60820

 

DOMENICA 6 NOVEMBRE 2016

AGGIORNAMENTI

Con ordinanza sindacale è stato disposto il trasferimento della sede della “Scuola Media Betti” presso i locali del Polo Scolastico di proprietà della Provincia di Fermo e la sospensione delle attività didattiche della stessa scuola dal 7 al 9 novembre 2016 (compreso).

Il provvedimento è stato adottato dopo che si è immediatamente provveduto ad individuare locali idonei per lo svolgimento delle attività didattiche presso il Polo Scolastico ed al fatto che sono in corso i lavori di sistemazione delle aule e di trasloco delle attrezzature (banchi, sedie, cattedre, ecc.) e del materiale didattico.

Il Sindaco Paolo Calcinaro ha dichiarato: “proseguono - e abbiamo avuto modo di controllarli personalmente, insieme ai tecnici comunali e ai professionisti volontari -  i lavori della nuova sede della scuola media Betti e quelli sulle mura sotto San Domenico, abbiamo accompagnato i tecnici agibilitatori, fra cui un docente dell’Università di Pisa, inviati dalla Protezione Civile Nazionale nei controlli e nelle ispezioni nelle scuole che sono proseguiti. Oggi è iniziato il puntellamento e la messa in sicurezza della facciata della chiesa di S. Agostino, mentre lunedì il progetto di messa in sicurezza su San Zenone verrà esaminato dalla Soprintendenza per l’approvazione. Ieri abbiamo incontrato i rappresentanti della media Fracassetti per concordare la prosecuzione dell'anno scolastico con i dovuti spostamenti attraverso un incontro in cui ho percepito e apprezzato la partecipazione straordinaria dei cittadini fermani agli sforzi di questo periodo”.

************************

Nella giornata di ieri ed oggi la Protezione Civile Comunale di Fermo ha visto impiegare quattro squadre: una a Montelparo e una a Monsampietro Morico per attività di supporto alla messa in sicurezza dei due centri e altre due nei camping del litorale Fermano per assistenza agli sfollati.

 

SABATO 5 NOVEMBRE 2016

AGGIORNAMENTO ORE 16.00

Dichiarazione del Sindaco Paolo Calcinaro: "per quel che riguarda l'ITIS MONTANI, su richiesta della Provincia con Ordinanza Sindacale abbiamo sospeso le attività didattiche del plesso storico del triennio (quello di via Montani n.7) fino al 9 compreso. Tuttavia la Dirigente, riuscendo a spostare ogni classe di quell'edificio in altri e diversi immobili dell'Istituto, garantirà l'inizio delle lezioni a tutti gli studenti già in data 7 novembre senza, per questo, contraddire la chiusura stabilita per il plesso storico. Quindi tutto ricomincerà lunedì 7 novembre per tutti, con sedi di classe spostate rispetto all'edificio storico del triennio di via Montani 7".


***********************************

In questi giorni, il numero di telefono normalmente in dotazione alla Polizia Municipale è a disposizione del Coc (Centro Operativo Comunale).

Per contattare la Polizia Municipale di Fermo è possibile formulare i seguenti numeri di telefono: 0734. 284302-325-323-322.

 

VENERDI' 4 NOVEMBRE 2016

AGGIORNAMENTO ORE 18.00

Per consentire la prosecuzione dei controlli e delle ispezioni sulle strutture scolastiche cittadine è stata prolungata la sospensione delle attività didattiche in alcuni plessi scolastici della Città di Fermo fino a mercoledì prossimo compreso (9 novembre 2016).

Per le scuole secondarie di secondo grado (superiori), di competenza della Provincia), si tratta del Liceo Classico “A. Caro”, limitatamente al plesso di via Leopardi; IPSIA “O. Ricci” e ITIS “Montani” (limitatamente al triennio).
Per le scuole di competenza comunale la sospensione delle attività didattiche riguarderà: la scuola primaria “Don Dino Mancini” di viale Trento e la scuola secondaria di primo grado “Fracassetti” di via Visconti D’Oleggio.
Tutti plessi sulle quali proseguono verifiche puntuali ed approfondite e per le quali è stato richiesto l'affiancamento anche dei tecnici agibilitatori regionali, a supporto dei tecnici comunali e dei professionisti esterni già incaricati a supporto, “perché – come ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinaro  - vogliamo la massima garanzia per tutti i ragazzi come dimostrano le sospensioni delle attività già prese sino ad oggi per monitorare le strutture dopo ogni evento sismico. Ringrazio tutti per la vicinanza ed il grande senso di responsabilità tenuto, senza questo supporto la Città non reggerebbe”.

 

AGGIORNAMENTI

L’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Fermo, l’Ambito Sociale XIX e l’Osservatorio Comunale Permanente del Progetto “Città amica dei bambini e degli adolescenti”  informano che, a causa dei recenti eventi sismici e per consentire la prosecuzione  della verifica dell'agibilità delle strutture comunali,  il convegno dal titolo "Fermo...Ferma il bullismo", organizzato con il patrocinio di Obudsman delle Marche, Regione Marche, Anci Marche, Legambiente Marche, con la collaborazione della Solgas, in programma per sabato 5 novembre al teatrino Antonini, è rinviato a data da destinarsi.

 

MERCOLEDI' 2 NOVEMBRE 2016

AGGIORNAMENTI ORE 18.30

Considerata la grande quantità di beni e generi di prima necessità che la generosità dei fermani, senza alcuna richiesta preventiva, ha voluto donare ai numerosi ospiti che a causa del terremoto sono alloggiati nelle strutture ricettive e camping del litorale fermano, la Protezione Civile Comunale chiede di non proseguire le donazioni delle quali, al contrario, confermerà la prosecuzione, su indicazione della Protezione Civile Nazionale, solo ed esclusivamente nel caso in cui sarà ritenuto veramente necessario. L’unica raccolta ufficiale è quella che si sta svolgendo al Centro Sociale di Marina Palmense (vestiario nuovo, giocattoli, prodotti igiene e pulizia personale). Si ringrazia la popolazione per la collaborazione.


***********************************

Come annunciato ieri, questa mattina Personale del Nucleo Interventi Speciali (NIS) dei Vigili del Fuoco di Roma, della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Ancona, della Regione Marche, del Comune di Fermo e della Protezione Civile Regionale (che compongono il GTS, Gruppo Tecnico di Sostegno) hanno effettuato un sopralluogo (FOTO) sulla torre campanaria di San Zenone per adottare le conseguenti misure sulla rapida messa in sicurezza a tutela delle persone, delle attività commerciali, del bene e poter consentire, di conseguenza, il più veloce rientro nelle abitazioni dei residenti ed il riavvio delle attività stesse. Analogo sopralluogo è avvenuto all’interno della Chiesa di S. Agostino, anch’essa interdetta al pubblico con apposita ordinanza.


**************************************

Si è tenuto questa mattina, in Prefettura, un incontro per fare il punto sulle misure adottate nel post sisma, presieduto dal Prefetto Mara Di Lullo, cui hanno preso parte il Presidente della Regione Luca Ceriscioli, gli assessori regionali Fabrizio Cesetti e Angelo Sciapichetti, il Presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo, il consigliere provinciale Francesco Giacinti, il Presidente della Provincia di Fermo Aronne Perugini ed i Sindaci Paolo Calcinaro di Fermo, Ediana Mancini di Montegranaro, Moira Canigola di Monte Urano, Nazzareno Franchellucci di Porto S. Elpidio e Romina Gualtieri di Monsampietro Morico ed i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e dei vigili del fuoco.

Al termine il Sindaco Calcinaro ha rilasciato la seguente dichiarazione: “ho appreso dal Presidente Ceriscioli con molta soddisfazione che si sta intervenendo per cambiare i parametri del vecchio decreto e farne uscire uno nuovo. Speriamo quindi che le procedure, sia per i privati cittadini che per le istituzioni pubbliche a tutela della pubblica incolumità, siano velocizzate e facilitate al più presto”.

 

AGGIORNAMENTO ORE 18.00

A seguito della scossa simica di domenica 30 ottobre e del conseguente sopralluogo effettuato, come del resto in tutti gli istituti scolastici cittadini, da parte dei tecnici comunali alla Scuola Media “U. Betti” in via Largo Mora, è stato ritenuto necessario, con ordinanza sindacale, disporne la chiusura dopo gli ulteriori aggravamenti.

“Una misura – ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinaro -  adottata proprio a beneficio dell’intera comunità scolastica dell’edifico in questione, quindi alunni, docenti, personale amministrativo e ausiliario. Stiamo lavorando per reperire una collocazione alternativa presso il Polo Scolastico di Viale Trento che possa soddisfare il primario diritto all’istruzione degli alunni e la primaria esigenza di avere locali consoni e adeguati all’attività didattica. Stiamo recependo la preziosa collaborazione della Provincia di Fermo e dei suoi Uffici e di alcuni istituti superiori della Città che si sono resi già preliminarmente disponibili per garantire la prosecuzione delle lezioni della Betti. Un atto di grande responsabilità che ci consentirà di poter mettere in atto tutti gli interventi necessari all’interno di una delle scuole medie storiche della città e ripristinarne le condizioni originarie”

Intanto proseguono i controlli e le ispezioni negli altri edifici scolastici cittadini.

 

MARTEDI' 1 NOVEMBRE 2016

AGGIORNAMENTO ORE 19.00

Dopo il sopralluogo effettuato dai vigili del fuoco sulla torre campanaria della Chiesa di San Zenone in Largo Fogliani, gli stessi hanno comunicato una situazione di potenziale rischio per gli edifici sottostanti e prospicienti e pertanto si è resa necessaria una ordinanza sindacale con le seguenti disposizioni:

  • interdizione al pubblico passaggio pedonale corso Cavour dal civ. 121 al civ. 9 di Largo Fogliani. I pedoni potranno transitare da vicolo del Capestro a via Corsica o viceversa;
  • interdizione al pubblico passaggio carrabile i tratti di viabilità pubblica antistanti le proprietà interessate dallo sgombero e precisamente il tratto di Corso Cavour che va dall’incrocio con Largo Valentini all’incrocio con Largo Fogliani. I veicoli transitanti in Corso Marconi, in Largo Valentini avranno l’obbligo di svolta a destra (via Visconti d’Oleggio) o sinistra (via Montani). Per accedere a corso Cavour e via Ognissanti si potrà transitare in senso discendente in via L. Firmiano dall’incrocio con via XX Settembre/via V. Veneto. Gli stessi, in uscita da via Ognissanti potranno risalire via L. Firmiano con direzione via XX Settembre;
  • sgombero per gli edifici privati sottostanti e per quelli prospicienti la torre campanaria, limitatamente (per questi ultimi) a quelle porzioni o ai locali con affaccio in C.so Cavour;
  • inibizione all’ingresso da Corso Cavour agli edifici privati, in considerazione del fatto che per gli stessi immobili sono presenti comunque accessi indipendenti in diversa via non sottoposta al presente rischio.

Tuttavia proprio per cercare di limitare il disagio per questa misura obbligatoria già nella giornata di domani l’Amministrazione Comunale è riuscita a convocare d’urgenza personale del Nucleo Interventi Speciali dei Vigili del Fuoco di Roma, della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Ancona e della Regione Marche per definire un intervento di immediata messa in sicurezza.

Sapevamo che il sisma avrebbe esposto la Città a situazioni difficili e questo ne è un esempio purtroppo tangibile – ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinaro - abbiamo cercato immediatamente di convocare tutte le autorità deputate all’intervento superando eventuali lunghezze burocratiche: abbiamo infatti già trovato una fattiva collaborazione dai Vigili del Fuoco e dalla Soprintendenza regionale per cercare di risolvere nel più breve tempo possibile il rischio. Nell’ordinanza sono state adottate tutte quelle soluzioni possibili per limitare al massimo il disagio per residenti e attività commerciali del resto del quartiere ma l’intervento, trattandosi di un potenziale rischio per l’incolumità pubblica, è un obbligo di legge dopo la segnalazione avuta dai Vigili del Fuoco a seguito dei loro approfondimenti”.

 
AGGIORNAMENTO ORE 17.15

Primo bilancio del lavoro coordinato dal Coc (Centro Operativo Comunale) ed in corso di svolgimento. Nelle 36 ore successive al sisma, i tecnici comunali e i tecnici volontari degli Ordini Professionali di Fermo (Ingegneri, Architetti, Collegio dei Geometri) hanno effettuato 138 sopralluoghi sui 231 richiesti, al fine di valutare rischi per la pubblica incolumità, oltre a tanti altri su edifici pubblici o di pubblico servizio (tra cui il Tribunale, che domani mercoledì 2 novembre potrà riaprire).

Nelle due notti successive è stato allestito il Centro di Accoglienza nella palestra di via Leti con i pasti garantiti dalla Cavalcata (per ora il Centro è chiuso e sarà riattivato in caso di necessità) e garantito sistemazioni gratuite grazie alla disponibilità dei camping fermani; assicurato anche uno svago ai bambini nei pomeriggi di domenica e lunedì.

“Ora continuano le ordinanze di sgombero così dure da firmare (oltre 20 finora) – ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinaro - e i sopralluoghi approfonditi sulle scuole: nulla sarà lasciato al caso, se servirà tempo bisognerà prenderselo senza indugio...per ora un ringraziamento a tutti per il supporto e la compostezza”.

Squadre della Protezione Civile di Fermo saranno impegnate in serata anche a Monterinaldo e a Monsampietro Morico a supporto delle attività di assistenza nei due centri.

AVVISO del CIIP (emesso in data 01/11/2016): "A seguito delle ultime analisi effettuate alla rete idrica gli esiti confermano la POTABILITÀ dell'acqua. Ribadiamo pertanto che fenomeni di torbidità riscontrati non pregiudicano la potabilità della risorsa idrica. CIIP spa sta continuamente monitorando la situazione con analisi di verifica della potabilità dell'acqua fornita e riparando le rotture che si stanno verificando. Confidiamo nella comprensione di tutti gli utenti considerato l'evento straordinario che ha colpito il nostro territorio.

 
AGGIORNAMENTO ORE 15.30

Questa mattina il Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro ha incontrato a Porto S. Elpidio il Presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) Antonio Decaro, Sindaco di Bari.

Al termine il Sindaco Calcinaro ha rilasciato la seguente dichiarazione: “ho fatto presente al Presidente la necessità di cambiare il decreto già pubblicato sul sisma con i suoi meccanismi troppo farraginosi perché, rispetto a quel tipo di evento per cui era stato emesso, ora ci troviamo di fronte ad un evento completamente diverso: non si può quindi parlare di cratere limitato e poi di regioni interessate. Tra il cratere vero e proprio e le regioni devono essere previste procedure semplificate per le Province interessate, tra cui quella di Fermo, colpita dal sisma e dai suoi disagi. Abbiamo chiesto meccanismi più veloci anche per i cittadini per avere le certificazioni necessarie dai tecnici della Protezione Civile nazionale e regionale che sono poi necessarie per compiere i lavori di riparazione e appunto ottenere poi i rimborsi ed i risarcimenti”.

 

LUNEDI' 31.10.2016

AGGIORNAMENTO ORE 18.30

Con nuova ordinanza sindacale, la n. 67 del 31 ottobre 2016, è stata disposta la sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado su tutto il territorio comunale della Città di Fermo dal 3 al 5 novembre 2016, ivi compresi gli istituti universitari, di alta formazione e l'asilo nido comunale, per consentire ai tecnici di proseguire i controlli sulle strutture scolastiche.

 AVVISO

Allo scopo di poter essere sistemati nelle strutture accreditate della zona (camping e alberghi), solo ed esclusivamente coloro che hanno ricevuto l’ordinanza di sgombero dalle proprie abitazioni sono invitati a contattare il Centro Operativo Comunale (COC) al numero di telefono 0734.284321.

 

AGGIORNAMENTO ORE 16.00

A seguito della scossa sismica di ieri mattina, sono state emesse altre ordinanze sindacali di chiusura di due edifici pubblici, che riguardano rispettivamente la Chiesa Cattedrale, al Girfalco, e Palazzo dei Priori (primo e secondo piano), sede dei Musei Civici e della Pinacoteca.

Proseguiti per l’intera giornata i sopralluoghi agli edifici pubblici e privati coordinati dal Centro Operativo Comunale. Anche per questa notte, inoltre, sarà a disposizione l’area di accoglienza nella palestra di via Leti, centro presidiato dalla Protezione Civile e dalla Croce Rossa.

Rientrata inoltre una squadra della Protezione Civile comunale di Fermo da Arquata del Tronto dove ha prestato la propria opera di assistenza, mentre un’altra squadra è partita nuovamente alla volta di Montelparo per la messa in sicurezza del centro abitato e per il supporto nell’allestimento del centro di accoglienza.


AGGIORNAMENTO ORE 12.00

Aperto ieri sera il Centro di Accoglienza nella palestra di via Leti. Più di 80 le persone ospitate con letti e brandine comunali che hanno passato la notte nella struttura, supportati anche da un équipe di psicologi della Protezione Civile Comunale e dalla Croce Rossa, la cucina da campo curata dalle Contrade di Fermo.

Proseguono intanto i sopralluoghi effettuati dai tecnici comunali e da tecnici degli ordini professionali che, volontariamente, si sono resi disponibili per fronteggiare la situazione straordinaria.

 “Una Città incredibile. In questo momento difficile ci stiamo reggendo grazie al nostro encomiabile Personale ma anche a tutto il Volontariato che oggi ci sta sorreggendo” – ha detto il Sindaco Paolo Calcinaro.

 Diverse centinaia le segnalazioni che da ieri mattina, subito dopo la scossa, fino a questo momento sono state raccolte dal Centro Operativo Comunale di Piazzale Azzolino al numero 0734. 284321, segnalazioni che vengono prese in carico da Polizia Municipale, volontari della Protezione Civile e tecnici comunali, alla presenza del Sindaco, dell’assessore con delega alla Protezione Civile Ingrid Luciani e del Dirigente Alessandro Paccapelo.

Per consentire le verifiche tecniche ed i necessari approfondimenti all’interno dell’edificio che lo ospita, nella sola giornata di oggi ed in via precauzionale il Tribunale di Fermo rimarrà chiuso.

La Protezione Civile di Fermo nella giornata di ieri è stata anche chiamata ad intervenire a Garulla di Amandola per il trasferimento di persone anziane dal centro  abitato al rifugio ed a Montelparo per la messa in sicurezza del centro storico.

 

DOMENICA 30.10.2016

aggiornamento ore 19.30:

Prosegue il lavoro al Coc, in Piazzale Azzolino, di Protezione Civile, Polizia Municipale, tecnici comunali, Croce Rossa.

Emesse e firmate, fino ad ora, una decina di ordinanze di sgombero da abitazioni private inagibili. Chiuse, sempre per inagibilità, anche le chiese della Misericordia, di S. Zenone, dei Cappuccini, di S. Francesco ed il relativo convento.

Le strutture museali sono rimaste chiuse a scopo precauzionale per consentire ai tecnici di effettuare i sopralluoghi e verificare l’agibilità.

Il trekking urbano previsto per domani 31 ottobre è stato annullato per consentire i sopralluoghi nelle chiese della città. Sistema Museo sta provvedendo a contattare gli utenti che avevano già prenotato l'escursione (fermo@sistemamuseo.it).


aggiornamento ore 17.30:

 Si sta predisponendo il Centro di Assistenza nella palestra di via Leti per ospitare questa notte i cittadini fermani: invitiamo ad usufruire di questo centro, in attesa di ulteriori brandine che verranno fornite dalla Protezione Civile Nazionale, prioritariamente agli sfollati, anziani, disabili e famiglie con bambini.

Tuttavia abbiamo registrato piena disponibilità da strutture ricettive di campeggio di Marina Palmense e Lido di Fermo, che mettono a disposizione gratuitamente propri bungalow alle famiglie fermane. Ulteriori indicazioni verranno fornite in loco anche per la distribuzione nei vari siti. Ed invitiamo infine a fornirsi in ogni caso di coperte e/o lenzuola.


aggiornamento ore 12.50

Il Sindaco Calcinaro: "stanno arrivando segnalazioni da tutta Fermo: è impossibile il sopralluogo immediato dei tecnici comunali su tutti questi edifici (poichè ad oggi non abbiamo rinforzi esterni) quindi: 1) bisogna limitarsi a segnalare adesso i casi più gravi; 2) qualora possibile chiamare per una prima valutazione di gravità anche dei propri professionisti che invitiamo a rendersi totalmente reperibili in queste ore".


aggiornamento 12.35

Appello del Sindaco Calcinaro a tutti i fermani: "rimaniamo lontani dalle facciate, camminando guardiamo sempre ciò che ci circonda. Abbiamo avuto pochi crolli di tetti ma le insidie ci sono sempre e sono, purtroppo, silenziose: i tecnici comunali sono sempre in giro per le transennature ma l'emergenza è grande e serve il supporto e la responsabilità di tutti. Grazie veramente".


 aggiornamento ore 11.30

Il Ciip informa che a seguito della scossa sismica di questa mattina gli impianti non hanno subìto danni e che fenomeni di eventuale torbidità non compromettono la qualità dell'acqua che risulta POTABILE. Ciip spa sta proseguendo l'attività di costante monitoraggio e controllo delle reti degli impianti. Si raccomanda di diffidare da eventuali notizie e informazioni provenienti da soggetti non ufficiali.


aggiornamento ore 11.15:

chiuse la chiesa della Misericordia, la chiesa di San Francesco ed il convento

 
aggiornamento ore 10.43:

controlli e sopralluoghi sono in corso in tutta la città di Fermo da parte della Protezione Civile, Polizia Municipale e tecnici comunali


aggiornamento ore 10.28
:

Ospedale di Fermo agibile, non ha subìto nessuna chiusura


aggiornamenti

l'incontro di calcio Fermana - Recanatese è stato rinviato


A seguito della scossa di questa mattina è stato immediatamente aperto il Coc (Centro Operativo Comunale). Per segnalazioni ed emergenze telefonare al numero 0734.284321.

 

SABATO 29.10.2016

Dichiarazione del Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro: "sono continuati i sopralluoghi sui nostri 33 plessi scolastici nella maniera più approfondita possibile, e non sono state rilevate criticità particolari. I punti ove si era intervenuto dopo il sisma del 24 hanno risposto in maniera ottimale mentre, in un plesso, quello della "Don Dino Mancini", abbiamo anche anticipato i lavori già previsti (con aggiudicazione avvenuta il 21 ottobre scorso) di impermeabilizzazione del tetto per un importo di 80 mila euro. Continueremo sempre ad attenzionare le nostre strutture. Inoltre comunico che in alcune strutture alberghiere costiere sono stati accolti oltre 100 sfollati dal Maceratese ai quali come Amministrazione Comunale, e con il supporto delle tante realtà fermane, saremo vicini in ogni modo".

 

GIOVEDI' 27.10.2016 - aggiornamento

Il Sindaco Paolo Calcinaro ha rilasciato la seguente dichiarazione: "I controlli sui plessi scolastici sono in corso e finora non è stata registrata alcuna situazione di allarme (specie sui punti dove eravamo intervenuti dopo il precedente sisma del 24 agosto): tuttavia a tutela degli alunni e studenti fermani riteniamo di dover continuare con estrema cura i sopralluoghi nei numerosi plessi  scolastici comunali (ben 33!) proseguendo anche nei giorni di domani e dopodomani. Tale decisione è presa, a massima precauzione, anche per monitorare la prosecuzione dello sciame sismico in corso anche stamattina, seppure con eventi meno intensi rispetto a quelli di ieri. Per questi forti motivi riteniamo di sospendere le attività didattiche nei prossimi due giorni nelle scuole di ogni ordine e grado del nostro Comune: chiariamo immediatamente che sarà necessaria la presenza del personale ausiliario nei plessi proprio per agevolare ulteriori ispezioni e rilevazioni dei nostri tecnici all’interno degli edifici".

 

MERCOLEDI' 26.10.2016 - aggiornamento delle ore 20.34

A seguito della scossa sismica delle 19.10 è stato aperto il Coc (Centro Operativo Comunale).

Si informa la cittadinanza che, a mero titolo precauzionale, con ordinanza, viene disposto che nella giornata di domani, giovedì 27 ottobre 2016, le scuole di ogni ordine e grado della Città di Fermo rimarranno chiuse per consentire ai tecnici comunali, con la visibilità della luce del giorno, i controlli ed i sopralluoghi di rito sugli edifici.

 
aggiornamento delle ore 22.45


A solo scopo precauzionale ed anche considerate le condizioni meteo è stata aperta l'area di accoglienza n.07 del Piano Comunale di emergenza, sita in via Leti -Palestra Roberto Donzelli.


Facendo appello al vostro senso di responsabilità del quale l'intera Città sta dando prova e per il quale vi ringraziamo, comunichiamo che presso l'area è attivo un servizio di assistenza a cura dei volontari della Protezione Civile per la popolazione che vorrà ricorrervi solo se concretamente ritenuto necessario.

 
Ricordiamo che le brandine già a disposizione saranno riservate per priorità ad anziani o bambini.

 
Solo per eventuali emergenze tel. Coc 0734. 284321